QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La natura oggi |  Gli storni non distolgono lo sguardo dalla rotta migratoria dell’altro: una domanda di ricerca vecchia di 70 anni ha trovato una risposta definitiva

La natura oggi | Gli storni non distolgono lo sguardo dalla rotta migratoria dell’altro: una domanda di ricerca vecchia di 70 anni ha trovato una risposta definitiva

Come trovano la strada gli uccelli migratori? Questa è una domanda che interessa le persone da molto tempo. Voleva trovare una risposta a questa domanda il biologo Albert Burdick che negli anni Cinquanta e Sessanta inviò in aereo migliaia di storni dall’Aia in Svizzera e Spagna. È diventato un famoso studio sull’orientamento durante la migrazione degli uccelli. Burdik è stato capo della stazione di migrazione degli uccelli presso l’ex IOO dell’attuale istituto di ricerca NIOO. Settant’anni dopo, i suoi colleghi ricercatori hanno confermato e arricchito le sue scoperte per risolvere una controversia scientifica di lunga data.

Giovani contro adulti

Gli uccelli venivano identificati individualmente da un anello di metallo leggero attorno alla zampa recante un codice univoco, un metodo ancora utilizzato dalla Bird Trekking Station. Il feedback di questi episodi ha mostrato che gli uccelli giovani e adulti utilizzano strategie diverse per raggiungere le aree di svernamento in Inghilterra e Francia durante la migrazione autunnale. “Gli storni adulti erano consapevoli del movimento e hanno adattato la loro direzione migratoria per ottenere l’accesso alle aree naturali”, afferma Morrison Bott, ricercatore del NIOO. “Ma i giovani storni continuarono a volare verso sud-ovest – la direzione che avevano preso dai Paesi Bassi – e così arrivarono alle destinazioni sbagliate nel sud della Francia e in Spagna”.

divisore

Negli ultimi decenni gli esperti si sono divisi sull’interpretazione dei risultati di Burdick. Bowl: “Gli storni sono animali altamente sociali tutto l’anno, e i giovani storni sfollati potrebbero unirsi a una popolazione di specie autoctone, ritengono alcuni esperti”. Gli storni voleranno quindi nei luoghi di svernamento dei loro nuovi amici. “In questo caso, la rotta migratoria sarebbe in gran parte acquisita piuttosto che innata”. grande differenza.

READ  Radboudumc ha un'IA che predice il rischio di cancro ai polmoni

Il team di ricercatori ha cercato i dati storici degli esperimenti di traslocazione di Berdek negli archivi della stazione di migrazione degli uccelli e ha confrontato le tendenze della migrazione con quelle degli storni locali svizzeri e spagnoli. “Questi ultimi dati non erano disponibili durante la ricerca originale di Burdick.”

Panoramica degli esperimenti di Burdike

Volantini?

Rianalizzando il set di dati storici, il team è stato in grado di dimostrare che la direzione migratoria degli storni nativi e di quelli traslocati era diversa. Quindi non ci sono “cavalieri” o “imitatori”. Pertanto, l’interpretazione alternativa dei risultati di Burdick è stata confutata. Come spiega il ricercatore di uccelli migratori Bott: “Gli storni viaggiano in modo indipendente e non sembrano permettere che le loro decisioni siano ignorate da ciò che fanno gli altri della loro specie”. I colleghi dell’azienda svizzera Vogelwarte hanno recentemente scoperto che gli storni migrano di notte. Ciò è coerente con i risultati della ricerca di settant’anni fa.

Adesso è importante

Apprendito o innato, conta molto? “In un momento in cui il mondo degli uccelli migratori sta cambiando rapidamente a causa del riscaldamento climatico e dell’intensificazione dell’uso del territorio, è importante se il comportamento migratorio sia in gran parte appreso o innato”, afferma il ricercatore capo e capo della Stazione per la migrazione degli uccelli Henk van der Gogde . Se qualcosa è innato, è difficile cambiarlo. “Sebbene gli storni sembrino adattarsi rapidamente alle nuove condizioni grazie al loro aspetto generale nell’ambiente umano, molto probabilmente non è così per il loro comportamento migratorio”.

maggiori informazioni

testo: Istituto olandese di ecologia (NIOO-KNAW)
Fotografie: James Wainscott (immagine principale: stormo di storni); Hans Decker, Sassifraga
Scheda: Morrison Bott, Marcel Visser, Barbara Helm, Jan von Roon e Henk van der Gogde, NIOO-KNAW

READ  La nuova tecnologia ad ultrasuoni rivela i segreti dell'utero