QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La nostra spia in Peloton intorno al 2021: “Numero più strano? Van Art sul Vento” | Ciclismo

La stagione ciclistica sta volgendo al termine. La nostra spia sul set sta dando il suo contributo per il 2021. “Ricorderò soprattutto quest’anno che l’asticella è un po’ più alta: il livello è aumentato un po’ nel gruppo”, dice.

Ho finito la mia stagione adesso. Questo non è con il sorriso più grande, ma con una smorfia dovuta al disagio fisico. Di conseguenza, non sono stato in grado di svolgere un ruolo significativo nelle mie ultime gare.

Rinunciare non è mai divertente, ma sicuramente non è alla fine della stagione. Altri anni, vinco ancora alla fine dell’anno, per poi entrare in inverno con una sensazione diversa.

La squadra ci ha lasciati andare per due settimane e possiamo trovare il tempo per gli amici e dobbiamo prestare meno attenzione alla nostra dieta. Non dobbiamo più pensare molto.

Fare festa, è il minimo alla mia età. Sono finiti gli anni selvaggi. Sì, organizzavo feste in un night club a Kuurne che erano organizzate insieme al gruppo delle Fiandre occidentali.

Da Paris-Tours mi sono diretto direttamente alla tenda. Volevi arrivare al più presto, almeno verso mezzanotte, e poi lasciar andare un po’ di forza.

Finire a Roubaix è stata una questione d’onore

Ovviamente si parla ancora tanto di Parigi-Roubaix. Non ho rinunciato a più infortuni, proprio come il resto del gruppo.

Mi sono voltato davanti alla foresta di Woolers. Il mio corpo ha inciampato, ma anche i miei freni hanno funzionato male. E le acrobazie come Christophe Laporte non facevano per me.

A quel punto della gara, puoi fare una scelta: se sei molto in ritardo e vedi una macchina della tua squadra, è meglio saltare.

Altrimenti rischi di non affrontare più la macchina della squadra e di dover andare a Roubaix con il carro delle scope. Non è stato divertente date le circostanze.

Non ti arrendi mai con il sorriso in una gara come questa, e noto che è stato un punto d’onore per tutti finire. Nonostante il tempo da cani, 96 corridori sono arrivati ​​al traguardo. Era una specie di prestigio, credo.

I giovani non battono più il martello

Quello che ricordo in particolare di questa stagione è che l’asticella è un po’ più alta: il livello è salito ancora di più. Questo era già il caso alla fine dell’anno Corona, ma ora più di questo.

Non puoi inizialmente apparire da nessuna parte senza essere in ordine al 100%. Se non lo sei, non puoi fare altro. Una volta eri in grado di estrarre qualcosa dal fuoco, ma non ora.

Se dovessi puntare al massimo delle prestazioni, scegli Wout van Aert al Mont Ventoux. Poi ho pensato: lo sa che è un doppio aumento?

Wout è uno di quei ragazzi che quasi arriva a una finale molto alta. Quando la gara negli ultimi anni è decollata dai 70 agli 80 chilometri dal traguardo, la gente già guardava e pensava: bello, così presto?

A quel tempo, di solito erano giovani che davano fuoco al luogo, ma a volte venivano colpiti da un martello. Adesso è molto meno.


La posizione del pacco non cambierà

Non so se posso davvero spiegare questo comportamento. In passato tutti volevano anticipare la finale, ma quando lo fanno i grandi non si può parlare di anticipazione.

A volte devi solo sopportarlo e non credo che questa situazione cambierà. Anche il prezzo è diventato molto interessante.

È molto più inaspettato. Questo schema stabilito è stato rotto con un lungo volo di un’ora. Si è semplicemente capovolto: pura pubblicità.

L’ho sentito da alcuni pionieri della Coppa del Mondo: quando i francesi hanno aperto presto, alcuni belgi pensavano che sarebbero state solo una o due offensive, ma la gara non si è mai fermata.

Guarda anche Mathieu van der Poel a Kuurne o ad Antwerp Port Epic: sai che c’è qualcosa dietro un simile attacco. Se non per il giorno stesso, è per uno scopo superiore o successivo.

Per quanto riguarda i miei obiettivi, non devo preoccuparmi delle prossime settimane. Ho un contratto per almeno altri due anni, quindi posso guidare come spia per almeno altri due anni, anche se non so se la mia copertura durerà così a lungo.

Ci vediamo l’anno prossimo!

READ  E ora Filippo Gana? Un americano supera magicamente il limite di quattro minuti in un inseguimento in solitaria | gli sport