QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Nuova Zelanda estende il blocco dopo il rapido aumento dei casi di coronavirus All’estero

La Nuova Zelanda estende il blocco nazionale di quattro giorni, fino alla mezzanotte di venerdì 27 agosto, ora locale. Auckland, la città più grande del Paese, resterà chiusa fino al 31 agosto. Lo ha annunciato il primo ministro Jacinda Ardern in una conferenza stampa.




Il numero di infezioni da corona in Nuova Zelanda sta aumentando rapidamente a causa dello scoppio della variante del virus delta che è stata identificata per la prima volta la scorsa settimana. Il numero dei contagi nel Paese è ora salito a 107. Lo riferisce oggi il governo. Sono 35 in più rispetto al giorno prima. Dei nuovi contagi, 33 sono stati identificati nella città di Auckland e due nella capitale Wellington.

“Dei 107 casi, 72 sono collegati epidemiologicamente ad altri casi dello stesso gruppo”, ha affermato il ministero della Salute. La fonte delle altre 35 infezioni è ora oggetto di ulteriori indagini. Sembra che “la maggior parte di loro abbia un collegamento ragionevole nella prima valutazione”. Dopo lo scoppio della nuova malattia, sono già stati identificati 13.230 contatti individuali e quasi la metà è stata invitata a mettersi in quarantena.

Durante il blocco, i neozelandesi possono uscire di casa solo per andare al supermercato o in ospedale. Chi desidera ricostruire all’aperto deve rimanere nella propria zona ed è vietato il contatto con altre famiglie.

Quarantena obbligatoria in hotel

Tra febbraio e agosto di quest’anno, l’isola non ha avuto alcuna infezione da coronavirus. Tuttavia, un viaggiatore australiano non rilevato ha riportato il virus nel paese all’inizio di questo mese, nonostante la quarantena obbligatoria in hotel dopo l’arrivo. Altri possono essere infettati attraverso la circolazione dell’aria.

READ  Fino a 15 gradi più caldi del normale nel Canada occidentale: "In alcuni luoghi più caldi di Dubai" | Notizie meteo

La Nuova Zelanda mira a debellare completamente il virus. Secondo il premier, questo può essere fatto solo con un “approccio precoce e duro”. All’inizio di quest’anno, si è anche assicurato di debellare il virus nel paese. Nell’ondata di Corona dello scorso anno, il numero più alto di infezioni giornaliere in Nuova Zelanda è stato di 89.