QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La pandemia “non è ancora finita” o siamo “verso la fine della partita”? I dati dell’OMS sono meno contraddittori di quanto sembri

Omikron potrebbe annunciare la fine dell’epidemia in Europa. Il messaggio dell’esperto dell’OMS Hans Kluge è stato sorprendentemente positivo, una settimana dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva avvertito che l’epidemia “non era finita”. È cambiato qualcosa?

Dieter de Klein

“È possibile che la regione si stia muovendo verso una sorta di fine partita epidemica”, ha detto all’AFP Hans Kluge, direttore del dipartimento Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità. Kluge stima che entro marzo circa il 60 per cento degli europei avrà oomicron. Dopo questa ondata è previsto un periodo di calma. A causa dell’effetto stagionale e perché molte persone hanno sviluppato una buona immunità. “Il Covid-19 potrebbe tornare entro la fine dell’anno, ma ciò non significa necessariamente che ci sia un’altra pandemia”, ha detto Kluge.

Solo una settimana fa, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Ghebreyesus, ha avvertito che “questa epidemia non è ancora finita”. Ghebreyesus ha notato, tra le altre cose, il progresso globale di omikron e il rischio di nuove varianti implicato da questa elevata circolazione del virus. Abbiamo ancora a che fare con un “virus molto pericoloso”, ha detto lunedì David Nabarro, inviato speciale dell’OMS per il Covid-19. “Non è come l’influenza”, ha detto Nabarro. Dobbiamo continuare a vederlo come un virus malvagio pieno di sorprese”.

molto preciso

Cosa sarà adesso? Le affermazioni sono meno contraddittorie di quanto sembri. Kluge afferma inoltre che è troppo presto per parlare della cosiddetta fase endemica, in cui conviviamo con questo virus senza la necessità di misure speciali, e indica possibili nuove varianti. “Endemicità significa che puoi prevedere cosa accadrà”, afferma Kluge. “Questo virus ci ha sorpreso in più di un’occasione, quindi dobbiamo stare molto attenti”.

Non c’è dubbio che molte persone saranno contagiate. Il numero di infezioni è aumentato la scorsa settimana a oltre 60.000 al giorno. Il virologo Stephen van Gucht (Sciensano) ritiene che “il numero effettivo sia probabilmente da tre a quattro volte superiore”. “Allora sarai effettivamente con più della metà della popolazione in poche settimane.”

Abbiamo quindi le nostre pecore immuni a terra? “Vari studi dimostrano che la cosiddetta immunità ibrida – attraverso una combinazione di vaccinazione e infezione – fornisce una protezione migliore”, afferma il virologo Guido Vanham (Istituto di medicina tropicale). Ha senso, perché il sistema immunitario viene stimolato in un modo più vario. Ciò aumenta la possibilità di un periodo di pausa dopo questa ondata”.

La grande domanda è quanto durerà. Nella migliore delle ipotesi, un numero sufficiente di persone ha un sistema immunitario sufficientemente forte per gestire l’epidemia di virus in autunno senza che il settore sanitario si metta nei guai. “Ci si aspetta che le onde consecutive diventino meno alte”, afferma Van Gucht. Ma la nostra immunità può indebolirsi nel tempo. Ciò potrebbe richiedere azioni aggiuntive, insieme a una nuova variante”.

possibile accensione

Il biostatistico Tom Wenseleers (KU Leuven) sottolinea che non abbiamo necessariamente bisogno di una nuova variante per lanciare una chiave inglese nel lavoro. “A seconda di quanto bene un’infezione omicron è protetta da una variante delta, un focolaio delta è ancora possibile a lungo termine. Vediamo una tale alternanza tra due linee nel coronavirus endemico OC43 e nell’influenza B”, sperano i Wenseleers, che il carico della malattia sarà diminuire ulteriormente nel lungo periodo. Ora, circa l’1% delle infezioni confermate richiede ancora il ricovero in ospedale. Una frazione di quello che era una volta, e quel numero continua a diminuire man mano che il nostro sistema immunitario è meglio addestrato. Allo stesso tempo: dopo l’onda delta, ho anche pensato che la fine fosse in vista”.

Lo scenario delineato da Cluj è quello che tutti si augurano, ma c’è grande riluttanza a parlare della fine della pandemia. “Dobbiamo evitare di creare false aspettative”, afferma il biostatistico Gert Mullenberg (UHasselt e KU Leuven), riferendosi alla “sfera di libertà” precedentemente annunciata. “Non sottovalutare la natura.”

READ  Sulla mappa: I comuni con la copertura vaccinale più bassa sono a Bruxelles