QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La perdita di gas naturale in Belgio è anche la principale causa del clima | l’interno

Le perdite durante l’estrazione e il trasporto di gas naturale sono un disastro per il clima. Ciò è evidente da un numero sempre maggiore di ricerche scientifiche riportate da VRT NWS. Ci sono perdite non solo in Qatar, Russia e Stati Uniti, ma anche nel nostro Paese.

Le centrali elettriche a gas si sono rivelate peggiori per il clima di quanto inizialmente pensato. Dopotutto, secondo un rapporto delle Nazioni Unite, da pozzi e condutture fuoriescono più perdite di gas naturale rispetto ai rapporti del settore. “Siamo venuti a conoscenza di incidenti che si verificano sui gasdotti”, ha affermato Thomas Gibbon, uno degli autori del rapporto. “Non è raro che grandi quantità di metano vengano emesse in alcuni incidenti”. Il metano è un potente gas serra. Nei primi vent’anni di vita sarà ben ottanta volte più dannoso per il clima dell’anidride carbonica.

“Le centrali elettriche a gas possono essere più dannose delle centrali a carbone per il nostro pianeta, in particolare a causa delle perdite di metano. In un periodo di 20 anni, dal 3 al 4% di una perdita di gas potrebbe essere sufficiente per avere le stesse emissioni di gas serra del carbone impianti.

Il grande colpevole: la Russia

È difficile ottenere cifre precise, perché l’Europa non segnala adeguatamente le fughe di notizie. In Europa, circa lo 0,019% andrà perso durante il trasporto, ma questa è solo una stima. La Russia, il più grande fornitore di gas d’Europa, è in cima alla lista come il principale colpevole.

Il gasdotto Jamal, che trasporta il gas dalla Siberia all’Europa, si sta rivelando una delle principali fonti di perdite. Una perdita ha prodotto 93 tonnellate di metano. Le emissioni annuali di CO2 equivalenti a 15.000 auto americane. Qatar, Stati Uniti e Algeria sono tra i maggiori inquinatori.

READ  Bolsonaro dovrebbe proteggere gli indigeni dell'Amazzonia da ...

Anche nel nostro paese

Il gas naturale scorre non solo all’estero, ma anche nel nostro Paese. La Clean Air Task Force (CATF), un gruppo di lavoro che lavora per una società a emissioni zero, ha scoperto che in sette siti nel nostro paese si verificavano perdite di gas naturale. Quattro di queste perdite sono state rilevate presso le strutture di Fluxys, la società che gestisce la rete ad alta pressione in Belgio.

Il Federal Energy Watch monitora le perdite di gas naturale nel nostro paese dal 2019. Fluxys deve affrontare la perdita di gas naturale. Nel 2020-2023, con una diminuzione del 10% annuo delle emissioni di metano rispetto al 2017, Fluxys ha rilasciato circa 5.840 tonnellate di metano. Queste sono le emissioni di CO2 di circa 38.000 auto di grandi dimensioni. Entro il 2023, questo dovrebbe essere convertito in meno di 25.000 veicoli, secondo un rapporto VRT NWS.

Non solo si dovrebbero ridurre le emissioni di metano nel nostro Paese. Per affrontare il problema è necessaria la cooperazione internazionale. Più di 100 paesi hanno firmato l’impegno sul metano. Entro il 2030, le emissioni di metano devono essere ridotte del 30 per cento rispetto al 2020. I tre paesi in cui l’Unione europea ottiene più della metà del suo gas naturale – Qatar, Russia e Algeria – non lo hanno firmato.

Niente più gas russo in Europa entro il 2030? “Gli investimenti necessari possono essere pagati dai profitti in eccesso delle società energetiche”

“Non ci sono più tabù”. Dal rinvio dell’eliminazione graduale del nucleare al ritorno al carbone: è così che ci liberiamo del gas russo

READ  L'ex consigliere di Trump avvia una causa contro l'assalto al Campidoglio per indagare