QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La perduta città reale dei Parti potrebbe essere stata trovata in Iraq

Il team era composto da archeologi dell’Autorità per le antichità di Sulaymaniyah, una città nella regione autonoma curda dell’Iraq, ed era guidato dal dottor Michael Brown, un archeologo dell’Institut Faures- und Frühgeschichte und Vorderasiatische Archäologie dell’Università di Heidelberg.

Gli archeologi hanno esaminato i resti della città fortificata e affermano che il loro lavoro ha fornito nuove importanti informazioni sulla storia e la struttura degli insediamenti dei Parti.

Sorprendentemente si sa poco di queste persone, ha detto Brown, anche se i documenti storici le registrano come un grande impero, da circa 250 anni prima della nostra era a circa 225 anni dopo. Nel 53 a.C. inflissero ai romani una delle peggiori sconfitte militari della loro storia.

Insediamento Marquli (B) Un edificio che potrebbe essere servito da caserma per i soldati.


© Progetto Archeologico Rabbana-Mirgoli

Fortificazioni lunghe quattro chilometri

Rabana-Merquly si trova sul lato sud-ovest del Monte Peramaron nei Monti Zagros. Le fortificazioni in pietra comprendono non solo una cinta muraria circolare lunga quattro chilometri, ma anche due colonie minori da cui prendono il nome.

A causa dell’altezza di Rabana-Mercoli sulla montagna, è stato possibile tracciare una mappa della città fortificata solo con i droni. Il team internazionale ha studiato i resti archeologici nel sito durante le spedizioni archeologiche dal 2009 e più recentemente tra il 2019 e il 2022.

Le strutture oggi superstiti indicano un uso militare del sito. Questi includono i resti di diversi edifici rettangolari che potrebbero essere serviti come caserme.

I ricercatori hanno anche trovato un complesso religioso che potrebbe essere stato dedicato alla dea zoroastriana iraniana Anahita.

un)


© Progetto Archeologico Rabbana-Mirgoli. Crediti: Michael Brown, Kamal Rashid Rahim, Hashem Hama Abdullah, Antiquity Publications Ltd. , DOI: 10.15184 / aqy.2022.74

a) petroglifo a Merquoli, b) petroglifo a Rabbaneh.  c) Statua di Hatra del re Atulu/Atalus degli Adiabei.


Illustrazioni di M. Marrone; © Progetto Archeologico Rabbana-Mirgoli. Crediti: Michael Brown, Kamal Rashid Rahim, Hashem Hama Abdullah, Antiquity Publications Ltd. , DOI: 10.15184 / aqy.2022.74

La città reale perduta di Netonia

I ricercatori affermano che i petroglifi agli ingressi degli insediamenti di Rabaneh e Margoli sono di particolare importanza, così come il sito di fortificazione nel bacino del fiume Klein Zab, noto nell’antichità con il nome greco Capros.

Questi due elementi portano i ricercatori a sospettare che Rabbana-Mercoli possa essere la città perduta di Netonia. Finora, l’esistenza della città reale “Natonia sul fiume Capros” o “Natounissarokerta” era nota solo da poche monete del I secolo a.C.

Una delle sette monete che portano il nome Natounia, in alto in greco.


foto © Amministratori del British Museum. Condiviso con licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International (CC BY-NC-SA 4.0)

Secondo un’interpretazione accademica, il toponimo Natounissarokerta è costituito dal nome reale Natounissar, fondatore della dinastia reale degli Adiabene, e dalla parola partica per fossato o fortificazione. “Questa descrizione potrebbe riferirsi a Rabana-Merculi”, ha detto Brown.

Secondo Brown, le iscrizioni trovate nelle fortificazioni potrebbero raffigurare il fondatore della città, lo stesso Natan Nasr o un discendente diretto. Le iscrizioni ricordano una statua che è stata trovata a circa 230 chilometri di distanza ad Hatra, dove sono stati fatti molti reperti del periodo dei Parti.

La fortezza di montagna di Rabana-Mercoli era situata al confine orientale del regno di Adiabene, un tempo governato dai re di una dinastia locale dipendente dai Parti.

Le fortificazioni potrebbero essere state utilizzate, tra l’altro, per commerciare con le tribù pastorali nell’entroterra, per mantenere relazioni diplomatiche o per esercitare pressioni militari.

“Il grande sforzo profuso nella pianificazione, costruzione e manutenzione di una fortificazione di queste dimensioni è indicativo dell’attività del governo”, ha affermato Brown.

a) Monte Peramatron, nel sito degli insediamenti di Rabaneh e Merkouli, b) lo schema Rabbana-Mergoli.


mappa di M. Brown; © Progetto Archeologico Rabbana-Mirgoli

Entrambi i lati del confine iracheno-iraniano

Gli attuali scavi a Rabana-Merquly sono finanziati dalla Deutsche Forschungsgemeinschaft nell’ambito del programma di ricerca “Das iranische Hochland: Resilienzen und Integration in vormodernen Gesellschaften”.

L’obiettivo di questo programma è studiare gli insediamenti dei Parti e la società dei Parti negli altopiani dei Monti Zagros su entrambi i lati del confine tra Iraq e Iran.

I risultati della squadra internazionale sono stati pubblicati in antico. Questo articolo si basa su un comunicato stampa rilasciato dall’Università di Heidelberg.

    a) l'ingresso di Wadi al-Rabbana, b) una scultura rupestre di al-Rabbana con parte del muro circolare, c) un edificio che mostra tracce di abitazioni nel periodo islamico.


© Progetto Archeologico Rabbana-Mirgoli

Parte delle fortificazioni sopra la barca.


© Progetto Archeologico Rabbana-Mirgoli. Da: Brown et al., Antiquity (2022), 10.15184/aqy.2022.74 (CC BY-NC-SA 4.0)

READ  Ucciso a colpi di arma da fuoco in una piscina: un altro milionario russo è morto in circostanze misteriose