QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La piscina è chiusa per mezz’ora tutte le domeniche così il bagnino può pranzare in tutta tranquillità

© rr

Ogni domenica alle undici esatte, i bagnanti della piscina Overbosch dell’Aia vengono portati fuori dall’acqua per una pausa di mezz’ora. Il motivo di questa strana situazione: mentre il Salvatore sta pranzando, nessuno può prestare attenzione. Il personale aggiuntivo non può essere rintracciato.

tgfonte: ANNP

Non importa se ci sono molte persone o meno nella piscina dell’Overbosch, al Vlaskamp dell’Aia. Chi va a nuotare la domenica mattina dovrebbe comunque uscire dall’acqua alle undici e cambiarsi d’abito. Chi vuole può tornare più tardi. Ma all’undicesima ora, tutti devono cambiarsi, quindi aspettare in costume da bagno non è un’opzione.

Tra le undici e mezza e il bagnino di turno può prendersi una pausa e pranzare tranquillamente. Non ha tempo per quello mentre nuota. Come con noi, i comuni e le città sono sempre alla ricerca di dipendenti che possano essere impiegati in aggiunta.

I nuotatori ordinari ora ci sono abituati e non gli importa. Oppure si assicurano che arrivino in tempo o semplicemente si tuffano in acqua dopo la pausa pranzo.

Ma Shiva de Winter, presidente della Fondazione olandese per la sicurezza dell’acqua e del nuoto, non ne è felice. “È una soluzione molto ostile nei confronti dei clienti”, afferma.

De Winter troverà comprensibili altre metriche come l’orario di lavoro più breve, ma non questa misura. “Se una piscina deve essere chiusa per motivi di sicurezza, lo capisco. Ma un’azione del genere non ha nulla a che fare con la sicurezza”.

Nella seconda metà di agosto verrà effettuata una valutazione e si valuterà se la domenica festiva rimarrà o verrà nuovamente rimossa.

READ  La Polonia pianifica lo stato di emergenza nella zona di confine con la Bielorussia