QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La polizia usa gas lacrimogeni contro la “Freedom Caravan” nel centro di Parigi e la situazione è ancora tesa | Carovana della Libertà

Nonostante la massiccia dimostrazione di forza da parte della polizia, un centinaio di auto della “Freedom Caravan” sono entrate nel centro di Parigi. Sono venuti ai famosi Champs-Elysées, dove questo pomeriggio era diventato turbolento. La polizia ha accusato 54 persone, usato gas lacrimogeni e arrestato. Sono state inoltre emesse 337 sanzioni. Non ci sono state rivolte gravi. Lo ha immediatamente confermato anche Birgit Herteler, giornalista di VTM NEWS. La polizia è ancora presente in gran numero. Alle 20:40 la situazione sugli Champs-Elysees era ancora tesa, secondo quanto riportato dai media francesi.


TVdB, KVDS


Ultimo aggiornamento:
02-12-22, 21:36


fonte:
BELGA




Leggi tutto su “Freedom Caravan” su questa vita

Migliaia di automobilisti sono stati in viaggio da tutta la Francia da venerdì, anche se questo lavoro è stato vietato dalla polizia. Più di settemila poliziotti sono attivi nella capitale francese per evitare l’assedio. La polizia di Parigi aveva già inflitto 283 multe ai partecipanti ai convogli della libertà intorno alle 11:20 e non si fermerà qui. La polizia ha scritto su Twitter di aver arrestato 14 persone e di aver multato 337 grammi. Cinque persone sono state arrestate per trasporto di catapulte e dispositivi di protezione. Altre due persone avevano, tra le altre cose, bottiglie di benzina, martelli e coltelli.

La polizia ha sparato gas lacrimogeni sugli Champs-Elysees a Parigi contro i manifestanti della cosiddetta “Freedom Caravan”, che protestano contro le misure di Corona. I manifestanti hanno cercato di paralizzare il traffico intorno all’Arco di Trionfo e agli Champs Elysees. La polizia è intervenuta quando i manifestanti non hanno risposto all’ordine di proseguire e alcuni manifestanti sono saliti sulle loro auto alla rotonda dell’Arco di Trionfo. La polizia ha utilizzato anche i carri attrezzi per rimuovere i veicoli.

READ  Un abbraccio appassionato, salvare un bambino, un giubbotto di salvataggio di plastica ...

“Veicoli collettivi”

I manifestanti affermano di voler manifestare con una “folla di macchine” a Parigi in modo che le forze di sicurezza non possano fermarli. Protestano contro il permesso di vaccinazione, richiesto in Francia, tra le altre cose, per l’accesso a ristoranti e cinema. Sono inoltre contrari alla perdita di potere d’acquisto e all’aumento dei prezzi dell’energia. C’erano anche molti giubbotti gialli tra i manifestanti.

Il primo ministro Jan Casteks ha precedentemente promesso di adottare misure molto dure contro i manifestanti. Gli attivisti hanno anche invitato le persone a recarsi a Bruxelles lunedì, ma nemmeno nel nostro paese è consentito protestare.

Più di 32.000 persone sono scese in piazza in tutta la Francia oggi in 149 proteste. E il ministero dell’Interno ha annunciato la propria insoddisfazione per la politica Corona.

Guarda anche di seguito come il tempo è diventato sempre più cupo a Parigi durante una chiamata dal vivo con la giornalista di VTM NEWS Birgit Herteler:

I camionisti bloccano il Binnenhof L’Aia

La protesta non si è limitata alla Francia ea Parigi. Molti camionisti sono arrivati ​​questa mattina all’Aia, la capitale politica dei Paesi Bassi, per protestare contro le misure di Corona. Secondo l’emittente pubblica NOS, stanno bloccando l’accesso al Binnenhof, il parlamento olandese.

La polizia dell’Aia ha dichiarato che i camion si trovano a Buitenhof, una piazza accanto al Binnenhof. Gli agenti parlano con gli autisti. Secondo NOS, ci sono una ventina di camion nel Binnenhof, che sono chiusi su entrambi i lati. Ci sono anche auto nella zona che portano bandiere olandesi, bandiere del Brabante e della Frisia.

Il sindaco dell’Aia ha annullato una manifestazione a sorpresa di un camionista per la Freedom Caravan nei Paesi Bassi. La polizia ha ordinato ai manifestanti di andarsene. Chi non rispetta rischia l’arresto e una multa, secondo il comune dell’Aia. Potrebbero essere addebitati anche i costi di traino del veicolo. I manifestanti affermano di non voler lasciare il proprio lavoro, lo hanno già annunciato sul proprio account Telegram.

READ  Cinque afghani legati ai talebani sono sotto sorveglianza in Francia

Gli agenti di polizia fermano un camion che vuole guidare fino all’ingresso del Binnenhof all’Aia durante una protesta contro le misure di Corona. © ANP

Saranno intraprese azioni contro l’ignoranza delle istruzioni della polizia e la violazione delle regole del traffico. Secondo un portavoce della polizia, l’accesso alla città dovrebbe essere ancora disponibile, ma c’è già un’interruzione del traffico a causa delle proteste. Ad esempio, molte linee di tram e autobus vengono deviate.

Autisti di camion e altri manifestanti si sono riuniti all'Aia per protestare contro le misure di Corona.

Autisti di camion e altri manifestanti si sono riuniti all’Aia per protestare contro le misure di Corona. © ANP

I camionisti partecipano alla cosiddetta “Dutch Freedom Caravan”, seguendo altre Freedom Caravan sul modello canadese. Si dice che i manifestanti stiano arrivando da diverse province del paese.

Evita Bruxelles

Lunedì, la polizia federale e la polizia di Bruxelles hanno chiesto di evitare l’area dentro e intorno a Bruxelles a causa di una prevista “carovana della libertà” per protestare contro le misure di Corona. I convogli, che dovrebbero arrivare a Bruxelles e dintorni a partire da domani sera, potrebbero causare notevoli disagi al traffico.

La polizia afferma che la Freedom Caravan, che vuole manifestare a Bruxelles lunedì 14 febbraio, è vietata. I conducenti che desiderano fingere, tuttavia, possono recarsi al parcheggio C dell’Heysel. Ci sarà una procedura di tolleranza. La polizia ha quindi affermato che è meglio evitare la capitale, Bruxelles, e la tangenziale intorno a Bruxelles lunedì. Se non hai altra scelta, è meglio prendere i mezzi pubblici.

Canada

La polizia ha iniziato a rimuovere il blocco dell’Ambassador Bridge nella città di confine canadese di Windsor. Un giudice canadese ha stabilito venerdì che il ponte che collega lo stato americano del Michigan con la provincia canadese dell’Ontario deve essere rilasciato. Poco dopo la scadenza, sono arrivati ​​altri manifestanti.

“Chiediamo a tutti i manifestanti di agire in modo legale e pacifico”, ha detto la polizia su Twitter. Ha anche invitato le persone a stare alla larga. Decine di agenti di polizia e veicoli sono arrivati ​​sul posto poco dopo le 8:00 (14:00 ora belga). Una cinquantina di manifestanti erano sul ponte nei loro camion e furgoni. Si sono avvicinati ai manifestanti intorno alle 8:30, secondo la radio pubblica della CBC. Alcuni dei manifestanti se ne sono andati immediatamente, altri sono rimasti sul posto.

Agenzia di stampa francese

© AFP

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha detto ieri sera ai giornalisti a Ottawa che “queste attività illegali devono cessare” e che “tutte le opzioni” rimangono aperte. Ha sottolineato che il potenziale dispiegamento di personale militare è “l’ultima risorsa” che “deve essere evitata a tutti i costi”. Il presidente del Consiglio non ha saputo precisare quando l’assedio sarebbe stato revocato, «perché, purtroppo, si teme la violenza».

I camionisti con la loro cosiddetta Freedom Caravan hanno chiuso da lunedì il ponte sull’importante rotta commerciale tra Ontario e Michigan, oltre ad altri due importanti valichi. Il blocco sta creando problemi, soprattutto nel settore automobilistico, a causa dell’interruzione della fornitura dei pezzi di ricambio.

Reuters

© Reuters

La polizia di Parigi spara gas lacrimogeni.

La polizia di Parigi spara gas lacrimogeni. © AFP

La polizia antisommossa francese ha arrestato un uomo sugli Champs Elysees a Parigi il 12 febbraio 2022, come venivano chiamati i convogli di manifestanti. "Convoglio della Libertà" Arrivò nella capitale francese.  - Migliaia di manifestanti in convogli, ispirati dai camionisti canadesi che hanno paralizzato il traffico al confine con gli Stati Uniti, si stavano dirigendo a Parigi da tutta la Francia l'11 febbraio, con alcuni che speravano di porre l'assedio alla capitale nonostante le restrizioni del Covid-19 gli avvertimenti della polizia tornano indietro.  Tra i manifestanti ci sono molti attivisti per la vaccinazione contro il Covid, ma anche persone che protestano contro il rapido aumento dei prezzi dell'energia che, secondo loro, stanno rendendo impossibile per le famiglie a basso reddito sbarcare il lunario.  (Foto di Samir El Doumi/AFP)

La polizia antisommossa francese ha arrestato un uomo sugli Champs-Elysees a Parigi il 12 febbraio 2022 mentre convogli di manifestanti soprannominati “Convoy de la Liberté” arrivavano nella capitale francese. – Migliaia di manifestanti in convogli, ispirati dai camionisti canadesi che hanno paralizzato il traffico al confine con gli Stati Uniti, si stavano dirigendo a Parigi da tutta la Francia l’11 febbraio, con alcuni che speravano di porre l’assedio alla capitale nonostante le restrizioni del Covid-19 gli avvertimenti della polizia tornano indietro. Tra i manifestanti ci sono molti attivisti per la vaccinazione contro il Covid, ma anche persone che protestano contro il rapido aumento dei prezzi dell’energia che, secondo loro, stanno rendendo impossibile per le famiglie a basso reddito sbarcare il lunario. (Foto di Samir El Doumi/AFP) © AFP

La polizia francese usa gas lacrimogeni mentre affronta i manifestanti in uno screenshot tratto da un video clip in un giorno "Convoglio della Libertà" (Freedom Caravan), un convoglio di auto per protestare contro il vaccino contro il coronavirus (COVID-19) e le restrizioni a Parigi, Francia, 12 febbraio 2022. Reuters tramite Reuters TV

La polizia francese usa gas lacrimogeni mentre affronta i manifestanti in questo screenshot tratto dal video durante il “Convoi de la Liberte” (Freedom Caravan), un convoglio di auto per protestare contro il vaccino contro il coronavirus (COVID-19) e le restrizioni a Parigi, Francia, febbraio 12 , 2022. Reuters tramite Reuters TV © Reuters