QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La prima donna al mondo a dare alla luce un bambino all’età di dieci anni: “Fino a…

Foto: Agenzia di stampa africana (ANA).

Joziami Thamara Sithole, 37 anni, sudafricana, ha dato alla luce dieci bambini lunedì sera. Con questo, la neomamma entra nel Guinness dei primati per la gravidanza più grande.

Così, la 25enne Halima Cisse del Mali viene espulsa dal trono. Nel marzo di quest’anno ha dato alla luce diciannove bambini in un ospedale marocchino, fino a poco tempo fa la più grande gravidanza nel Guinness dei primati.

Quando Gosiame ha scoperto di essere incinta ed è andata in ospedale per i primi controlli, le è stato detto che aspettava due gemelli. Questo numero è stato aumentato a otto con il progredire della gravidanza. Due bambini si nascondevano dietro i loro fratelli e sorelle.

La notizia è stata uno shock per il direttore del negozio, che ha affermato di essere rimasto incinta naturalmente, poiché lei e suo marito avevano già dato alla luce due gemelli di sei anni. “Non ci credevo. Ne dubitavo. Ero sicuro che sarebbero stati gemelli o tre gemelli, tutto qui. Ma quando il dottore me l’ha detto, ho dovuto deglutire. Anche quando ho guardato le scansioni, non potevo” Non ci credo», disse Giuseami.

(Leggi di più sotto la foto)

batte i cuori

All’inizio di questa settimana, dopo 29 settimane, un’ecografia ha mostrato non meno di dieci cuori che battono, di sette ragazzi e tre ragazze. A causa dei maggiori rischi di gravidanza, i bambini sono stati immediatamente consegnati con taglio cesareo.

READ  Peter Van de Veire inizia la sua ricerca per i Paesi Bassi in un nuovo programma

Era incinta di sette mesi e sette giorni. Sono felice, sono emozionato. “Non posso dire molto”, ha detto il padre dell’adolescente, Tiboho Tsutsetsi, in un’intervista al quotidiano. Notizie Pretoriatoria.

Secondo le autorità ospedaliere, la madre e i suoi figli stanno bene, anche se i bambini prematuri (e quindi molto piccoli) dovranno andare all’asilo nei prossimi mesi.