QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La prima statua di bronzo rubata del Benin è tornata dopo 124 anni

Secondo Evelien Campfens, ricercatrice nel campo della cultura e del diritto del patrimonio presso l’Università di Leiden, la mossa britannica per riportare effettivamente l’arte è particolarmente eccitante. “Il British Museum e il governo britannico stanno prendendo una strada molto diversa rispetto all’Università di Cambridge. Vogliono spiegare meglio come sono finiti i Bronze Boys in Gran Bretagna, ma non li riportano indietro. Ora che Cambridge lo ha fatto con il Gallo e altri e i musei hanno annunciato passi simili che hanno aumentato la pressione sul British Museum.

Ci sono anche Bronze Boys in Olanda. Il Museo delle Culture del Mondo, che comprende il Museo Nazionale di Etnologia e il Museo dell’Africa, ha esaminato la propria collezione e ne ha contate 1.144. Non è chiaro cosa accadrà con esso. A gennaio, il ministro uscente Ingrid van Engelshofen (Cultura, D66) ha inviato alla Camera dei rappresentanti un piano per la restituzione delle opere d’arte saccheggiate. Il prossimo governo dovrà deciderlo.

“Ricerca e formula regole in modo proattivo”

Secondo Campfens, i Paesi Bassi possono imparare qualcosa dal passo compiuto oggi a Cambridge. “Come museo, fai ricerche proattive sulla provenienza della tua collezione”, questo è il suo fascino. “Non aspettare che un paese chieda qualcosa, ma sappi solo cosa hai da offrire.”

Campfens sostiene anche la definizione di regole legali chiare, in modo che sia chiaro quando le opere d’arte dovrebbero essere restituite e quando no. “Soprattutto, fallo insieme. Il fatto che il Jesus College di Cambridge sia stato in grado e abbia voluto restituire il Gallo di bronzo a una delegazione nigeriana oggi è dovuto al fatto che entrambe le parti hanno lavorato insieme per anni su un piano di parità”.

READ  Il teschio del "Frightening Dragon" rivela un mostro che terrorizzava i cieli dell'Australia

Aba Issa Tijani, presidente della Nigerian Museums and Antiquities Authority, ha risposto con gioia e orgoglio alla cerimonia a Cambridge. “Vogliamo mostrare ai nigeriani qual è il loro. In modo che possano connettersi con una parte della loro storia che è stata così lontana per così tanto tempo. È un onore far parte di questa celebrazione in cui abbiamo fatto la cosa giusta”.