QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Procura della Repubblica si rifiuta di indagare sull’epidemia di Corona

La Procura della Repubblica di Innsbruck ha chiuso l’indagine penale sul caso Ischgl. Lo riferiscono i media austriaci. Il pubblico ministero ha affermato che non vi sono prove di negligenza.

All’inizio della pandemia di Corona, c’è stato un grave focolaio del virus Corona nella stazione sciistica austriaca di Ischgl. All’inizio di marzo 2020 sono stati individuati i primi feriti, soprattutto in dopo gli skybar stato guardato. Anche diversi belgi sono stati contagiati.

La gestione della crisi è stata pesantemente criticata. Le autorità sono state accusate di aver agito troppo tardi e di misure insufficienti. L’indagine si è concentrata sul ruolo di cinque persone, tra cui il sindaco di Ischgl e due dipendenti dell’amministrazione distrettuale. La corte ha esaminato, tra l’altro, quando hanno preso provvedimenti e come sono stati seguiti. Nello studio sono state interrogate 27 persone.

Una perizia in precedenza parlava di una valutazione errata da parte delle autorità. Ma non è stata trovata alcuna prova di pressione da parte del settore turistico.

Così il pubblico ministero ha chiuso l’indagine penale. “Non ci sono prove che qualcuno abbia agito con negligenza o che sia stato coinvolto in qualcosa che potrebbe aumentare il rischio di lesioni”, ha detto l’avvocato in una nota.

Ci sono ancora diverse cause civili in corso. Iniziato a settembre causa Per la vedova di un uomo morto dopo essere stato colpito da Ichgl contro lo Stato. Ci sono anche i belgi che fanno causa.

Austria lunedì in Quarta chiusura Andato, ma gli impianti di risalita austriaci potrebbero essere ancora aperti per le persone vaccinate per il momento. Ristoranti, caffè, teatri e negozi non essenziali devono essere chiusi per almeno dieci giorni. Solo il 65,5% della popolazione è stato vaccinato due volte. La vaccinazione è obbligatoria in Austria da febbraio.

READ  Il regolatore europeo approva due trattamenti per corona | scienza e pianeta