QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La protezione a lungo termine per le persone con un disturbo immunitario da corona è appositamente progettata

Soprattutto ora che la società sta iniziando ad aprirsi, un piccolo gruppo di persone potrebbe essere più vulnerabile. Oltre a rispondere Pazienti con immunodeficienza Molto diverso dalla vaccinazione corona. Ecco perché, secondo ZonMw, è importante monitorare e consigliare i gruppi individualmente. Il Board of Health, RIVM e professionisti medici stanno formulando raccomandazioni per la vaccinazione per questi gruppi vulnerabili, in parte sulla base di studi esistenti. Ecco perché il Board of Health ha deciso la scorsa estate che alcuni gruppi avrebbero ricevuto una terza possibilità. Questo ZonMw riporta.

Con il terzo colpo, questi gruppi nella maggior parte dei casi hanno ottenuto lo stesso risultato dei due colpi in persone sane. I risultati ora mostrano che la terza vaccinazione (primaria) migliora la risposta anticorpale in molti pazienti.

Personalizzazione

Disturbi o malattie ereditarie (genetiche) possono causare un cattivo funzionamento del sistema immunitario. In malattie come i reumatismi, il morbo di Crohn o la sclerosi multipla, il sistema immunitario è molto teso, il che rende le persone più malate dopo aver contratto la corona. La risposta anticorpale dopo la vaccinazione è in alcuni casi meno robusta. Una buona produzione di anticorpi era visibile nel 90% dei gruppi di pazienti che utilizzavano farmaci immunosoppressori. Sfortunatamente, in un piccolo gruppo di persone, come il gruppo che usa rituximab, questo effetto non si verifica dopo la terza vaccinazione primaria. Il RIVM e l’Health Board basano la loro politica su questi risultati della ricerca e danno un’occhiata al tipo specifico di medicina: proteggere le persone dal Covid-19 su misura.

Le persone con HIV e pazienti trapiantati di polmone producono anche meno anticorpi dopo le due vaccinazioni primarie. Le persone che usano i cosiddetti inibitori CD20 reagiscono male. Una terza vaccinazione precoce può aiutare a ripristinare la risposta anticorpale quando vengono assunti determinati farmaci.

READ  Il rischio di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è stato evitato per ora, ma resta la vigilanza: il mondo

Per gli adulti con sindrome di Down, è allo studio l’effetto della terza vaccinazione primaria.

A cura di: National Care Guide