QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La ricerca ha trovato tre misure preventive che riducono il rischio di cancro negli anziani:

Combinare una dieta contenente alte dosi di vitamina D3 e acidi grassi omega-3 con un allenamento muscolare minimo a casa può ridurre il rischio di cancro negli anziani. Lo afferma un nuovo studio di Zurigo.

Ciascuno dei tre componenti della “ricetta” di per sé ha un effetto positivo nella prevenzione del cancro nelle persone di età superiore ai 70 anni. La loro combinazione consente di aumentare notevolmente l’effetto desiderato: la tripla misura riduce del 61% il rischio di sviluppare il cancro, come indicato venerdì dall’Università di Zurigo, che ha condotto questo studio.

La vitamina D impedisce la crescita delle cellule tumorali. L’acido grasso Omega-3 rallenta la trasformazione delle cellule normali in cellule cancerose. L’esercizio fisico migliora la funzione immunitaria e riduce l’infiammazione, che aiuta anche a prevenire il cancro.

Tre misure sicure ed economiche

Citando il comunicato stampa, Heike Bischoff Ferrari, professore e ricercatore in geriatria all’Università di Zurigo, ha affermato che queste tre misure combinate possono ridurre una percentuale significativa di cancro negli anziani perché sono molto sicure e poco costose. Un totale di 2.157 porcellini d’India hanno partecipato allo studio triennale in Svizzera, Francia, Germania, Austria e Portogallo.

Il ricercatore osserva che “a parte le raccomandazioni preventive come la protezione solare o il divieto di fumo, gli sforzi della salute pubblica per prevenire il cancro sono stati finora limitati”. Negli adulti di mezza età, vengono inviati a esami e vaccinazioni.

Sono necessari ulteriori studi per verificare ulteriormente il potenziale della profilassi combinata e per tenere conto di periodi di osservazione più lunghi. Il cancro è la seconda causa di morte più comune tra gli anziani. Il rischio di soffrirne aumenta con l’età.

READ  Gli scienziati hanno scoperto la causa dello sviluppo del morbo di Alzheimer in...

ATS / fgn