QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia annuncia un cessate il fuoco nell’acciaieria di Mariupol: “Saranno istituiti corridoi umanitari per il rilascio sicuro dei civili” | Notizie Instagram VTM

La Russia ha dichiarato un cessate il fuoco nello stabilimento Azovstal di Mariupol. Nei prossimi tre giorni saranno aperti corridoi umanitari per il rilascio sicuro dei civili. Le forze russe rimarranno a distanza di sicurezza dalle otto del mattino fino alle sei di sera. Tuttavia, promesse simili non sono state sempre onorate in passato.

I combattenti ucraini si sono già preparati ieri per i nuovi attacchi all’acciaieria:

Leggi tutto sulla guerra tra Russia e Ucraina in questo file

Sorprendentemente, il capo del partito al governo in parlamento a Kiev ha appena annunciato che i soldati russi hanno invaso il sito. E sembrava che “stanno prendendo d’assalto per il secondo giorno consecutivo”. Secondo lui, ci sono ancora contatti con le forze ucraine a difesa dell’enorme complesso.

Il sindaco di Mariupol aveva precedentemente sostenuto il contrario. “Non possiamo scoprire cosa sta succedendo e se sono al sicuro o meno”, ha detto Vadim Bogchenko. Secondo lui, “artiglieria pesante, carri armati e aerei” furono impegnati in questo attacco russo e le navi si avvicinarono alla costa. “I nostri uomini sono coraggiosi e proteggono il castello, ma è molto dura”.

Distruzione allo stabilimento Azovstal. © via Reuters

Il sindaco ha indicato che centinaia di civili si nascondono nella fabbrica, compresi i bambini “in attesa di essere salvati”. Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto l’assistenza del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. Le vite delle persone che vi sono rimaste sono in pericolo. Chiediamo il vostro aiuto per salvarli”.

Ieri il comandante ucraino del reggimento Azov ha affermato che i russi hanno lanciato un “violento attacco” all’acciaieria. Tuttavia, il Cremlino lo ha negato e ha insistito sul fatto che più civili potessero essere evacuati. Ora sembra che quella promessa sia stata mantenuta.

Distruzione allo stabilimento Azovstal.

Distruzione allo stabilimento Azovstal. © via Reuters

‘Si sentono le voci dei cittadini’

Ci sono ancora almeno 200 civili su basi generali. Sono intrappolati in un vasto complesso di corridoi sotto l’acciaieria distrutta. “I miei uomini potevano sentire le loro voci”, ha detto l’altro ieri il comandante Svyatoslav Palamar.

Secondo lui, si tratta di donne e bambini così come di alcuni anziani. I combattenti ucraini non sono riusciti a liberarli dalle macerie perché mancavano di attrezzature meccaniche adeguate. Secondo quanto riferito, alcuni bambini hanno iniziato a balbettare a causa dello stress costante.

Questa famiglia è riuscita a fuggire dall'inferno di Mariupol.

Questa famiglia è riuscita a fuggire dall’inferno di Mariupol. © Reuters

2000 soldati

“Intendevamo liberare l’ingresso bloccato ai bunker, ma veniamo costantemente bombardati da cannoni navali e artiglieria. Gli aerei russi lanciavano bombe tutto il tempo”, ha detto Palamar.

Si stima che ci siano 2.000 soldati ucraini nascosti. Seicento di loro subiranno (gravi) ferite.

Più di 150 persone sono state salvate lo scorso fine settimana. Un’altra evacuazione programmata all’inizio di questa settimana è fallita. L’acciaieria è l’ultima roccaforte ucraina della resistenza nella città nel sud del paese.

Guarda anche: I russi iniziarono a prendere d’assalto l’acciaieria di Azovstal

Le immagini satellitari mostrano pennacchi di fumo sopra l'impianto di Azovstal.

Le immagini satellitari mostrano pennacchi di fumo sopra l’impianto di Azovstal. © AP

AP

© AP

READ  La variante delta si sta ora diffondendo rapidamente nel resto del Portogallo | all'estero