QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia dice che si concentrerà sulla “liberazione” del Donbass

All’inizio la Russia voleva “screditare” il Paese e rovesciare il governo di Kiev, ma ora che la guerra è durata un mese, Mosca non ha ancora controllato una grande città. I generali russi dovrebbero guardare anche se l’esercito ucraino, molto più piccolo, ha lanciato un’offensiva a Kiev negli ultimi giorni. Le dichiarazioni del maggiore generale Sergei Rudskoy sembrano essere un riconoscimento indiretto che la Russia non è in grado di occupare l’intera Ucraina.

Rudskoy ha detto alle agenzie di stampa russe che l’efficacia in combattimento dell’Ucraina è stata notevolmente ridotta nella prima fase della battaglia, motivo per cui le forze russe ora stanno prendendo di mira principalmente il Donbass. Lì, i separatisti combattono una guerra sostenuta da Mosca dal 2014. Il mese scorso, il presidente russo Putin ha riconosciuto l’indipendenza della regione. Secondo Rudskoy, questi separatisti controllano attualmente il 93% di Luhansk e il 54% di Donetsk, le due regioni che compongono il Donbass.

Conquista delle grandi città

Ciò non significa che il conflitto nel resto del Paese sia finito. Ad esempio, Rudskoy afferma che la Russia “non esclude” il successivo assalto alle principali città ucraine come Kiev, attualmente sotto assedio. Tuttavia, lo scopo principale dell’accerchiamento, secondo Rudskoy, non è catturarli, ma impedire all’Ucraina di inviare rinforzi nel Donbass da queste città. “Il disarmo dell’Ucraina si sta realizzando”, ha detto il generale, e questo era uno degli obiettivi importanti che Putin si era prefissato all’inizio della guerra.

Il generale Ruskoy non ha rilasciato dichiarazioni dal 24 febbraio, giorno dell’inizio della guerra. Il fatto che stia accadendo ora è un segno che i dati hanno più peso degli aggiornamenti quotidiani del ministero della Difesa russo. È troppo presto per trarre conclusioni da questo, ma sembra che il Cremlino voglia poter dire che la Russia ha ottenuto ciò che voleva.

Vittime civili

Ma per ora, i combattimenti continuano ad essere feroci in gran parte del paese e i civili sono gravemente colpiti. Venerdì, c’è stata più chiarezza sul bilancio delle vittime dell’attentato al teatro Mariupol la scorsa settimana: si dice che siano morte almeno 300 persone, molte delle quali donne e bambini.

Secondo il ministero della Difesa russo, il mese scorso sono stati uccisi 1.351 soldati russi. Nei 30 giorni in cui la guerra è andata avanti, la media è di 45 giorni al giorno. Almeno 1.081 civili sono stati uccisi e 1.707 feriti nella guerra in Ucraina, secondo le Nazioni Unite. “Almeno, perché non abbiamo ancora una buona immagine dei luoghi in cui si sono verificati pesanti combattimenti, come Mariupol e Volnokatsya”.

READ  La Russia costringe i prigionieri ucraini a combattere al fronte