QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia potrebbe aver perso due navi da guerra dopo aver attaccato il porto

La Russia potrebbe aver perso due navi da guerra dopo aver attaccato il porto

L'Ucraina potrebbe aver messo fuori uso due navi della marina russa in un attacco notturno nel porto di Sebastopoli ieri. Ieri il Ministero della Difesa ucraino ha annunciato di aver distrutto un dragamine. Nel frattempo, giungono notizie di un'eliminazione della Corvette. L’attacco a Sebastopoli faceva parte di un attacco molto più ampio contro più obiettivi nell’annessa Crimea. Non è chiaro se entrambe le navi siano state effettivamente danneggiate.


Ciclone sul marciapiede a Sebastopoli in una foto d'archivio. Le corvette della classe Karakurt sono piccole navi con una lunghezza di 67 metri e un dislocamento di oltre 800 tonnellate. Hanno moderni radar AESA, un cannone da 76,2 mm e otto celle VLS per il lancio di armi da crociera. (Foto: Marina russa)

Oltre alle esplosioni a Sebastopoli, sabato sera sono stati segnalati esplosioni e attacchi in altre quattro località della Crimea. Le foto degli attacchi notturni e degli incendi sono state condivise sui social media. Si dice che l'aeroporto militare e le raffinerie di petrolio siano stati bombardati.

Kovrovets e Tsyklon
Durante la giornata, il Ministero della Difesa ucraino ha riferito tramite X che il dragamine Kovrovets era stato distrutto. La difesa ucraina non ha aggiunto ulteriori informazioni, ma le immagini satellitari scattate il giorno prima hanno mostrato che il dragamine di classe I Natya si trovava nel porto di Sebastopoli. Per la Russia, la perdita di questo dragamine significa che un’altra nave è stata colpita a grande distanza dall’Ucraina. Non possiamo definirla una perdita decisiva.

La Korovets del 1974 era una vecchia nave. Tsiklon è una corvetta di classe Karakurt completamente nuova. L'ultima nave ha meno di un anno e, secondo i blogger militari russi, è stata bombardata. Si dice che sei persone siano state uccise e molte altre ferite. “Tsiklon” può essere visto nella foto scattata venerdì scorso, a duecento metri da Korovets nel porto.

lanciatore
La Tsiklon fu la prima corvetta di classe Karakurt nel Mar Nero. La nave fu costruita lì ed entrò in servizio nel luglio 2023. Askold avrebbe dovuto essere la seconda nave, ma fu danneggiata dai missili da crociera Storm Shadow a fine novembre. Se la Tsiklon venisse effettivamente distrutta, significherebbe che la Marina russa avrebbe una nave in meno in grado di lanciare missili da crociera. La Russia ha ancora diverse corvette di classe Buyan-M e due fregate di classe Admiral Grigorovich che possono lanciare missili da crociera. Le navi di entrambe le classi hanno lanciatori verticali UKSK; Può sparare con armi da crociera ipersoniche Kalibr, Oniks e Zirkon nel caso delle fregate.

READ  Un'isola come un granchio e lo stadio di calcio più grande del mondo: i progetti Paranoid Evergrande

Attacco missilistico balistico
Non è ancora chiaro esattamente quali navi siano state danneggiate e l’entità del danno. Inoltre non è ancora chiaro come sia stato effettuato l'attentato del 19 maggio. Potrebbero essere stati utilizzati droni, ma anche missili ATACMS. Ministero della Difesa russo Annuncia rapidamente Per abbattere droni e sistemi ATACMS, l’Ucraina non vuole dire nulla al riguardo.

L’attacco dell’ATACMS a Sebastopoli è stato sorprendente. L'ATACMS è un missile balistico che gli Stati Uniti forniscono da ottobre. L'arma è stata sviluppata negli anni '80 per l'esercito americano con l'obiettivo di una possibile guerra con l'Unione Sovietica. L’Ucraina ha ufficialmente ricevuto missili con una gittata fino a 165 chilometri, ma Sebastopoli è molto più lontana. L'attacco sarebbe stato poi effettuato utilizzando il sistema ATACMS, che ha una portata di 300 km. Questo sarà È stato consegnato di nascosto.

Giacomo Autore: Jaime Kariman
Jaime è il fondatore di Marineschappen.nl e ha scritto più di 1.500 articoli su vari argomenti marini. Nel 2017 ha pubblicato il suo libro di saggistica In completa segretezza Outside e poi un thriller sottomarino Orca. Prima che Jaime iniziasse a lavorare a tempo pieno in questa sede, è stato nella Marina per oltre 12 anni, principalmente in una posizione civile. Jaime ha studiato comunicazione a Groningen.


Commenti forniti da