QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia pubblica una nuova testimonianza sulle ultime ore di Hitler: “Gli tremavano le mani. Mi era chiaro che aveva deciso di suicidarsi” | all’estero

Il servizio di sicurezza russo dell’FSB – il successore del KGB – ha rilasciato documenti d’archivio inediti che raccontano di più sulle ultime ore di Adolf Hitler. È una testimonianza del pilota personale del Führer, Hans Bauer.


Quinn Van Di Sieb


Ultimo aggiornamento:
11:57


fonte:
FSB, RIA Novosti, TASS

I documenti provengono da un file di ricerca di Hans Bauer, che è conservato negli Archivi centrali dell’FSB in Russia. È una biografia in lingua tedesca e una testimonianza resa dal pilota nel dicembre 1945 durante un interrogatorio del russo NKVD, predecessore del KGB.

Anche i più vicini a Hitler, che erano con lui durante i suoi ultimi giorni nel bunker sotterraneo della Cancelleria del Reich a Berlino, non sapevano fino a poco prima della sua morte quale fosse l’obiettivo finale del Führer.

brutale

Solo il 30 aprile ([1945giornodellamortediHitlered[1945،يوموفاةهتلر،أد) Nel pomeriggio mi chiamò, con il mio luogotenente, il colonnello Betz, “testimoniato da Hans Bauer, secondo documenti declassificati”. Ci incontrammo nel corridoio e lui mi condusse nella sua stanza. Mi strinse la mano e disse: “Bauer, vorrei salutarti e ringraziarti per tutti i tuoi anni di leale servizio”. Sembrava molto vecchio e stanco. Le sue mani tremavano. Mi era chiaro che aveva decisamente deciso di suicidarsi”.

Documento contenente informazioni su Hans Bauer che è già stato arrestato. Era datato 13 dicembre 1945. © FSB

Hitler disse a Bauer che voleva regalargli il suo dipinto preferito come souvenir. Quello era un ritratto del re Federico il Grande di Prussia, di Rembrandt, appeso nella sua stanza.

Bohr, nelle sue parole, ha cercato di impedire a Hitler di suicidarsi, perché tutto sarebbe crollato dopo poche ore. ma inutilmente. “I miei soldati non possono e non resisteranno più. Hitler rispose.

Il bunker dove si nascondeva Hitler alla fine della sua vita.  Sopra il tavolo c'è un'immagine di Federico il Grande.

Il bunker dove si nascondeva Hitler alla fine della sua vita. Sopra il tavolo c’è un’immagine di Federico il Grande. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Il Fuhrer ha anche notato che i russi erano già a Potsdamer Platz e avevano ordinato la sua cattura viva, presumibilmente usando gas sonnifero. Ha aggiunto di aver ordinato il rogo del suo corpo e di quello di sua moglie, Eva Braun, perché temeva che sarebbero stati impiccati durante lo spettacolo. Proprio come il corpo di Benito Mussolini – il capo dell’Italia fascista – fu appeso a testa in giù alla trave del cancello di una stazione di servizio a Milano, dopo la sua esecuzione il 28 aprile 1945.

Lapide

Secondo Hitler, dovrebbe essere scritto sulla sua lapide che è una “vittima” dei suoi “generali”. Queste furono le ultime parole che disse a Burr. “Bates e Bates hanno stretto tranquillamente la mano a Hitler e se ne sono andati”, ha aggiunto il pilota nella sua testimonianza.

Dopo aver incontrato Hitler, Bauer e Betz partirono per distruggere i giornali e prepararsi a fuggire dalla Cancelleria del Reich. Quando è tornato al bunker diverse ore dopo per recuperare la foto promessa, ha visto del fumo sospeso nella parte anteriore delle stanze private.

Eva Braun e Adolf Hitler sul balcone del Berghof, la casa del dittatore tedesco nel sud della Germania.

Eva Braun e Adolf Hitler sul balcone del Berghof, la casa del dittatore tedesco nel sud della Germania. © AP

“Molte guardie delle SS correvano su e giù eccitate”, ha detto Bauer. Ho chiesto: ‘È tutto finito? ” ‘sì.’ Dove sono i corpi?” “Nel giardino della cancelleria imperiale.”

‘Molto scioccato’

Burr si è detto “profondamente scioccato” da quello che è successo. “Quando ho detto addio a Hitler, erano le 18:00 e le 19:00. Quando sono tornato, dovevano essere circa le 21:00”.

Adolf Hitler ed Eva Braun si suicidarono il 30 aprile 1945. Si erano sposati il ​​giorno prima. Entrambi hanno preso cianuro di potassio. Anche Hitler si è sparato alla testa.

Ritratto del 1933 di Hitler e Braun.

Ritratto del 1933 di Hitler e Braun. © Archivio di storia del mondo

I loro corpi carbonizzati furono scoperti il ​​13 maggio 1945 nel giardino della Cancelleria del Reich da membri del servizio di intelligence antisovietico-russo (SMERSJ), riferisce l’FSB. “La sua validità è stata confermata da numerosi esami forensi”, ha aggiunto.

Amputazione

Lo stesso Bohr fuggì dopo la morte di Hitler verso la prima linea degli alleati occidentali. Durante il suo viaggio fu ferito a una gamba e catturato dai sovietici. Alla fine, la sua gamba è stata amputata. È stato condannato a dieci anni di carcere ed è tornato nella Germania occidentale dopo il suo rilascio. Morì nel 1993 all’età di 95 anni.

L’autobiografia dell’immagine mostra la caduta di Adolf Hitler in un modo molto ordinario nell’immagine

READ  Biden è "convinto" che Putin abbia deciso di invadere l'Ucraina nei prossimi giorni e un think tank prevede già un raid sabato.