QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Russia vuole inviare gas in Europa attraverso un percorso diverso

Oggi, 42,7 milioni di metri cubi di gas naturale attraversano l’Ucraina verso l’Europa attraverso un altro gasdotto. Sono poco più dei 41,3 milioni di metri cubi di gas naturale che sono passati venerdì dal gasdotto Sudan, ma non sarebbero sufficienti per compensare le forniture di gas perse dalla chiusura del Nord Stream 1.

Il gasdotto è stato chiuso mercoledì per una manutenzione di tre giorni. Due giorni dopo, Gazprom ha riferito di aver scoperto una perdita d’olio. La società afferma di aver spento il sistema di pompaggio in una stazione di compressione vicino a Portovaya, vicino al confine con la Finlandia. In una tale stazione, il gas viene posto a una pressione così alta da poter fluire attraverso il gasdotto attraverso il Mar Baltico fino alla Germania. Secondo Gazprom, è impossibile prevedere quando il gas scorrerà di nuovo attraverso il Nord Stream 1.

Rewatch: il gasdotto Nord Stream 1 rimane chiuso a causa di una “fuoriuscita di petrolio”

‘problemi tecnici’

L’annuncio della chiusura di Nord Stream 1 per manutenzione è stato accolto con sospetto in Europa. Klaus Müller, capo del regolatore tedesco dell’approvvigionamento energetico Bundesnetzagentur, ha trovato questa spiegazione incomprensibile dal punto di vista tecnico. Inoltre, la tedesca Siemens Energy, che di solito mantiene le turbine Nord Stream 1, ha affermato che l’oleodotto non dovrebbe chiudersi a causa di una perdita di petrolio. La società ha anche affermato che ci sono altre turbine nella stazione di compressione per mantenere in funzione il Nord Stream 1.

Quindi Gazprom ha affermato che non c’era posto per Siemens Energy per effettuare riparazioni. Tuttavia, secondo Siemens, il lavoro può essere svolto in loco e “entro i limiti della manutenzione ordinaria”.

Gazprom aveva già ridotto le forniture di gas alla Germania tramite il Nord Stream 1 al 20% della sua capacità massima prima della chiusura di mercoledì. La compagnia del gas ha anche motivato “problemi tecnici” che la compagnia non sarebbe stata in grado di risolvere a causa delle sanzioni occidentali. I leader europei vedono la chiusura del rubinetto del gas russo principalmente come un mezzo di pressione politica.

READ  Annelies converte la vecchia casa quotata a Merelbeke nella sua casa dei sogni: "L'Illuminatore è la nostra più grande ricchezza" | La mia guida