QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La seconda settimana a Jero: Gravel, Monte Zoncolan e Queen’s Roads | Jiro

Durante il tour in Italia, i passeggeri possono mettere da parte le loro biciclette per un periodo di tempo dopo 10 giorni. Potranno usufruire della pausa martedì – non lunedì come al solito – perché per il secondo pulsante di pausa martedì prossimo, verranno serviti molti piatti deliziosi. Ora sfoglia l’elenco.

Round 11: mercoledì 19 maggio

Un tocco di Strade Bianche in tournée in Italia? C! Il gruppo si intrufola in Toscana ei corridori cenano mercoledì in un ristorante a quattro stelle verso Montalcino, noto per il suo vino Brunello.

La tappa non è molto lunga, ma lo scenario cambia a 70 chilometri dalla fine. I partecipanti a questo Giro devono indossare la loro maschera antipolvere per 4 gruppi di stearate sitoris, che sono i metodi tipici della ghiaia toscana.

Le strisce (35 chilometri in totale) non sono tutte ugualmente pesanti, ma i ciottoli, i capricci di Dame Fortuna e le pendenze (2.500 metri in verticale) renderanno comunque una giornata snervante.

A circa 9 chilometri dalla fine, salutiamo gli snack acciottolati, ma i dolci di categoria tre rendono il finale un po ‘più complicato.

Diventare un fattore determinante: come potrebbe essere altrimenti? – il tempo. Il clone del Giro sarà polveroso o sarà una lotta nel fango?

In realtà abbiamo ottenuto quell’ultimo scenario nel 2010 alla fine finale a Montalcino. Poi Cuddle Evans ha vinto con un sassolino.

Buono da tenere a mente: Remco Evenepoel ha scoperto questa tappa due settimane prima di partire per il punto di partenza a Torino.

Flashback al 2010: Cadell Evans vince un duello sulla terra battuta su Montalcino al Giro

Il 4 maggio Remco Evenepoel è venuto a dare un’occhiata a questo itinerario:

Dodicesima fase: giovedì 20 maggio

Chi dice Strady Bianche dice Siena. La perla toscana è il punto di partenza per la missione # 12, ma non c’è un giorno di recupero dopo lo slancio dei ciottoli. La tappa copre 212 chilometri ed è il secondo volo più lungo su questo giroscopio.

Sta costantemente salendo e scendendo con la salita più difficile (duo di classe II) nell’ultima metà del ciclo. Questo terreno collinare – 3.700 metri di dislivello saranno sul tavolo – sembra un gioco da ragazzi per gli attaccanti.

Tappa 13: venerdì 21 maggio

No, non ha perso contro i corridori, anche se dobbiamo aspettare e vedere quanti uomini del gruppo più veloci contano ancora a questo punto.

Dopo 198 chilometri dovrebbe esserci uno sprint a Verona, giusto? Possiamo essere brevi e al punto del corso: il termine pool deck è stato inventato per questo profilo.

Ride 14: sabato 22 maggio

Apriamo il nostro terzo weekend in grande stile. Inoltre, la tappa del famigerato Monte Zonkolan sarà un momento chiave di questo giroscopio.

L’organizzazione ha mantenuto il suo primo bottino a cinque stelle fino a un massimo di questa tappa di 205 chilometri.

La corsa è piuttosto generosa, ma il brutale Zoncolan chiaramente non lo sarebbe. Non viene utilizzato il solito pendio di montagna da Ovaro, ma questo non rovinerà il divertimento o la miseria.

Abbiamo camminato a un’altitudine di 1.730 metri dopo aver scalato 14 chilometri con una media dell’8,5 percento. Gli ultimi chilometri in particolare sono un attacco al corpo che raggiunge il 27 per cento.

Il vincitore di tappa finisce sicuramente in una bella lista: segue le orme di Gilberto Simone (2003 e 2007), Evan Basu (2010), Igor Anton (2011), Michael Rogers (2014) e Chris From (2018).

Flashback al 2018: Chris Fromm è il recente vincitore di Zoncolan

Tappa 15: domenica 23 maggio

In questa versione, il tour in Italia era allo stivale, ma era comunque consentito un breve viaggio in Slovenia.

Non è abbastanza per sedurre Primus Rogelic o Tadig Bogacar, ma scrivi a casa il concorrente Jan Tratnik, per esempio. Sicuramente vorrà mettersi sotto i riflettori in questa opportunità di fuga.

Questo viaggio condito con un anello di montagna invita gli uomini che sono già abbastanza lontani nella sistemazione.

I concorrenti nella battaglia per la maglia rosa probabilmente non vedranno l’ora degli orrori che attendono lunedì.

16a tappa: lunedì 24 maggio

La tua fame non è ancora soddisfatta? Allora preparati per il Queen’s Snack, tappa di questo tour in Italia.

Nelle Dolomiti si percorre una salita di 212 chilometri con 5.700 metri di dislivello. Mamma mia!

Prima, durante e dopo questa tappa potrebbe esserci un equilibrio complessivo sulla mitica (?) Frontiera dei 2000 metri, perché l’ultima settimana di Giro inizierebbe con tre giganti.

Sono stati esaminati rispettivamente: Passo Fedaia (2.057), Passo Pordoi (2.239) e Passo Giau (2.233). La bestia di mezzo è Cima Coppi, il tappo di questo tour è in Italia.

Finiamo a Cortina d’Ampezzo dopo un’immersione di 17 chilometri. Lì conosciamo il successore di Joaquim Rodriguez nel 2012 e sappiamo già molto su chi potrebbe ancora sognare il ponteggio più alto del Milan domenica 30 maggio.

Flashback al 2012: Rodriguez ha vinto la sua maglia rosa dopo la stessa finale

READ  LIVESTREAM Vuelta: i preferiti sono ancora i rifugiati del magazzino di spedizione? | Vuelta a Espana 2021