QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Sicurezza di Stato mette in guardia contro un possibile spionaggio tramite smartphone cinesi | Notizia

Gli smartphone delle aziende cinesi Xiaomi, Oppo e OnePlus sono in aumento nel nostro Paese, ma la sicurezza dello stato avverte dei pericoli dello spionaggio. Secondo il servizio di intelligence, c’è una “sistematica e profonda confusione tra quelle compagnie e il governo cinese”. Questo è stato affermato in una risposta che il rappresentante della N-VA Michael Freilich ha ricevuto dal procuratore generale Vincent van Quekenborn (Open VLD). Questo è quanto ha scritto sabato de Tejd.




“Vogliamo sottolineare il potenziale rischio di spionaggio quando si utilizzano questi dispositivi”, ha affermato Ingrid van Daley, portavoce della sicurezza dello stato per De Tejd. Il servizio mette in guardia contro gli smartphone cinesi, anche se non ha ancora individuato casi concreti di spionaggio. “Consigliamo di essere vigili. Oltre alla mescolanza tra queste società e il governo cinese, altri paesi (ad esempio Paesi Bassi e Stati Uniti, editore) hanno espresso preoccupazione per le società di telecomunicazioni cinesi e i rischi per la privacy e la sicurezza nazionale”.


Citazione

La comunità imprenditoriale non ha altra scelta che collaborare con il governo cinese.

Ingrid Van Dailey, portavoce della Sicurezza di Stato

Il quotidiano economico ha scritto che sempre più belgi hanno uno smartphone di Xiaomi, Oppo o OnePlus, e sicuramente da allora un’altra azienda cinese Huawei non è più autorizzata a lavorare con il sistema operativo Android di Google a causa delle sanzioni statunitensi e ha perso una forte quota di mercato. Alla fine dello scorso anno, Xiaomi era già passata al terzo più grande marchio di smartphone nel nostro paese: Samsung e Apple. Questo successo potrebbe portare all’acquisto di altri prodotti digitali degli stessi brand cinesi.

La Sicurezza di Stato afferma che i legami tra questi produttori cinesi con il governo cinese e i suoi servizi di intelligence e sicurezza sono legalmente consolidati. La legge sull’intelligence nazionale cinese impone a tutte le aziende cinesi di collaborare con i servizi di intelligence. Dovrebbero riservare posizioni di reclutamento al personale dell’intelligence. La legge cinese sulla sicurezza informatica richiede anche alle aziende cinesi di fornire ai servizi di intelligence un accesso illimitato ai propri sistemi IT. La comunità imprenditoriale non ha altra scelta che collaborare con il governo cinese”.

OnePlus e Xiaomi non rispondono. “Oppo è un’azienda privata e opera in più di 40 paesi e regioni in tutto il mondo”, ha affermato il portavoce belga di Oppo Dries Claudts. Manteniamo rapporti positivi con i governi e le autorità di regolamentazione nei paesi in cui operiamo. Operiamo in conformità con tutte le leggi e i regolamenti locali”.

Leggi anche:

Chi è stato fotografato nella nostra ambasciata in Turchia? Guardia giurata pervertita o spia? (+)

26 falsi allarmi su Hitler, critiche del consulente CIA e PS che si è rivelato essere una spia: il Belgio ha il secondo servizio segreto più antico del mondo (+)

La lobby belga britannica, sospettata di spionaggio per conto della Cina, ha lavorato per la prima volta nell’intelligence britannica (+)

READ  Colruyt ha motivo di preoccuparsi