QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La situazione negli ospedali rende inevitabile l’inasprimento delle regole di Corona

Con il rapido aumento del numero di ricoveri ospedalieri e la diminuzione della capacità in terapia intensiva, sembrano inevitabili regole Corona più severe. In primo luogo, i politici stanno prendendo in considerazione un maggiore lavoro a distanza.

Venerdì prossimo i massimi ministri federali e regionali discuteranno di nuovo delle regole sul coronavirus. Rispetto al precedente comitato consultivo del 26 ottobre – quando sono state introdotte norme più severe in materia di mascherine per la bocca e passaporto Corona – la situazione è molto peggiorata.

A causa delle festività, al momento è difficile interpretare le statistiche Corona per l’agenzia governativa Sciensano. Il numero medio di contagi si aggira oggi intorno ai 10.000 al giorno. Questo si traduce in un aumento dei ricoveri ospedalieri. A causa delle vaccinazioni, questo è molto inferiore all’afflusso di pazienti che hanno prodotto 10.000 infezioni al giorno l’anno scorso. Ma sono ancora troppi – a causa di un gruppo molto ampio di persone non vaccinate e vaccinate per le quali le iniezioni dovute a un’immunità debole non sono sufficienti – per garantire il funzionamento ottimale della nostra assistenza sanitaria.

Numeri più alti dalla primavera

Ora ci sono una media di 207 ingressi al giorno. Martedì le presenze sono state 287, un giorno dopo le 221. Sono numeri che non si vedevano dalla primavera. L’aumento del numero di pazienti in terapia intensiva è passato da circa il 3% al giorno al 5%. Non è drammatico, ma è preoccupante.

Attualmente sono ricoverate 2.297 persone, di cui 472 in terapia intensiva. Questo è ancora lontano dal picco nell’era pre-vaccino. Ma ancora una volta, è ancora molto difficile per gli ospedali combinare il loro normale lavoro con la cura del coronavirus. Sarebbe del tutto impossibile se il numero degli ospedali continuasse ad aumentare. È anche importante che la capacità teorica della terapia intensiva – 2.000 posti letto – sia inferiore a quella pratica. A causa della mancanza di personale – la terapia intensiva richiede più infermieri specializzati per posto letto – diverse centinaia di posti letto sono meno disponibili.

READ  Bitcoin bull run 2021 potrebbe iniziare presto, il modello popolare prevede $ 288.000 - BTC Direct

700

Pazienti al centro

Gli ospedali sperano che la stabilizzazione venga raggiunta entro una o due settimane, con circa 700 pazienti in unità di terapia intensiva.

Attualmente è difficile per i previsori dei virus disegnare scenari. Sulla base dei modelli, gli amministratori ospedalieri ora sperano che i numeri raggiungano un plateau di circa 700 persone in terapia intensiva entro una o due settimane. Questo gesto deve venire dagli interventi fatti qualche settimana fa e dal fatto che l’ondata di contagio dovuta alle vaccinazioni si allontana più velocemente senza l’agente antiepidemico sintetico.

I numeri sono in calo nel Regno Unito

In tutta l’Europa occidentale, i numeri stanno tornando in rosso. Sorprendentemente, le infezioni e i ricoveri nel Regno Unito stanno diminuendo. Mentre non ci sono più importanti restrizioni sul coronavirus in atto lì. Come spiegazione, è stata indicata la terza iniezione che i britannici hanno iniettato in gruppi vulnerabili. Ma in nessun modo è stato dimostrato che le iniezioni di richiamo siano davvero la causa. In Danimarca, dove in precedenza erano state fissate tutte le regole Corona, sono state reintrodotte le mascherine e le carte Corona.

Ora che dietro le quinte è stato istituito un nuovo comitato consultivo, il temuto word lock viene nuovamente utilizzato nei Paesi Bassi. In vista della conferenza stampa del primo ministro Mark Rutte, venerdì, sono trapelati i consigli degli esperti di coronavirus. Sostengono a favore della sospensione del divieto per due settimane: cancellazioni di eventi, chiusure di cinema e teatri, un orario di chiusura anticipato e bolle minori nel settore della ristorazione. Quindi, come in Austria e in alcune parti della Germania, verrà introdotta una politica 2G. Solo coloro che sono stati vaccinati o che hanno contratto la malattia avranno ancora accesso alla vita pubblica indoor. Offrire un test PCR negativo, come è anche possibile con noi per accedere, ad esempio, al catering, non è più un’opzione.

READ  Gli scambi chiudono le porte, ma il tasso di hash di Bitcoin (BTC) si riprende »Crypto Insider

La situazione nel nostro paese è diversa, perché i Paesi Bassi hanno un margine minore per l’intensificazione.

Stephen Van Gucht

Virologo Sciensano

Anche qui potrebbe essere sul tavolo un approccio 2G. La decisione olandese influenzerà le consultazioni belghe. Nessuno dei partiti al governo usa la parola lockdown. Né il virologo Stephen van Guchte sostiene questo. “La situazione è diversa, perché i Paesi Bassi hanno un margine più piccolo per la terapia intensiva”.

“Con chiusure brevi ci sarà sicuramente un impatto chiudendo temporaneamente una serie di cose. Ma poi le persone minacciano di compensare eccessivamente e devi intervenire di nuovo. In questo modo ottieni la politica yo-yo e le persone abbandonano. Meglio prendere meno drastici misure che puoi mantenere per un po’ più a lungo.

‘La maschera per la bocca, ad esempio, dovrebbe rimanere la norma. Con questo si fa già effetto e grazie alle vaccinazioni può bastare per evitare il peggio negli ospedali. L’arresto dovrebbe fungere da freno di emergenza, se davvero non c’è altra opzione. Non siamo affatto in questa situazione in Belgio.


Come in Italia, un ottimo corso è far passare l’aureola e la mascherina per la bocca obbligatorie in tutti i luoghi dove si radunano le persone.

Tuttavia, il virus selvaggio sta chiaramente costringendo a deliberazioni che nessuno pensava di dover fare. C’è speranza nei dipartimenti governativi che verranno utilizzate le ricette esistenti. Ad esempio, il ministro della Sanità Frank Vandenbroek (Forwitt) sostiene un nuovo impegno per il telelavoro. Il grande corso, come in Italia, è quello di rendere obbligatorio il passaggio dell’aureola e della mascherina in tutti i luoghi dove le persone si radunano. “La cosa più importante è che le persone si rendano conto ancora una volta che devono limitare i loro contatti sociali, preferibilmente volontariamente. In caso contrario, l’inverno Corona non sarà illeso”.

READ  I fratelli rubano 3 miliardi di euro di Bitcoin nel più grande furto di criptovaluta della storia | Capitale