QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La sorpresa di Van Stegen, uno United di talento e un club che non vuole essere promosso: le cinque storie più importanti in coppa | tazza da croquet

Il trofeo è una garanzia di belle storie. Club amatoriali non amati, riunioni di vecchie conoscenze e talenti dimenticati. Raccolti per te: cinque cose da aspettarsi.

Lokeren-Temse: meditazione sui tempi migliori

Darkam sta tremando di nuovo come se fosse al culmine? Esattamente dieci anni dopo il primo racconto del Graal, a Lokeren ne hanno passate tante.

Ritiro, poi acquisizione di soap opera con Roger Lambrecht, poi bancarotta.

Dopo un iniziale corteggiamento con Hamme, Temse alla fine accettò l’offerta di fusione di Lokeren. Il club ha continuato sotto il nome di KSC Lokeren-Temse al secondo posto per i dilettanti, occupando attualmente il sesto posto.

Il logo, tra l’altro, pensa ancora all’ex Sporting Lucerna.

L’allenatore è una vecchia conoscenza di Hans Cornelis (Ex Club, Genk & Lokeren). Il presidente del consiglio si chiama Hans van Duysenes, nipote del primo presidente dello Sporting Lucerna.

Thes Sport: Il club che non vuole promuovere

È anche divertente senza i professionisti. Il Thes Sport è da anni uno dei migliori club dilettantistici del Belgio, ma non vuole essere promosso in 1B nonostante i suoi successi.

Sembra che “non abbiamo soldi, ma non abbiamo debiti”. La promozione richiede investimenti significativi nelle infrastrutture.

In termini sportivi, la mossa di Thes Sport potrebbe non essere molto. Con Thibeau Swinnen, Laurens Vermijl e Adriano Bertaccini, ci sono alcuni ex prodotti giovanili del Racing Genk.

Sam Vanaken – il fratello maggiore del Red Devil Hans – è anche un nome sorprendentemente scelto.

Anche Marnick Vermegel potrebbe suonare un campanello. Il difensore esterno una volta ha giocato due partite per il grande Manchester United.

Li conosci tutti? Marnick Vermijl (al centro, in basso) al Campionato Nazionale U23.

Stijn Stijnen promette una sorpresa al Club Brugge

Aprilo e sanguina ancora blu-nero. Stijn Stijnen accoglierà presto il Club Brugge come allenatore del Patro Eisden.

Il portiere è stato 11 anni sotto la sbarra di Jan Bridl, ma ha dovuto andarsene attraverso una porta sul retro dopo uno scandalo su Internet. Si dice che Stijnen abbia lanciato una campagna diffamatoria contro i suoi colleghi e membri del consiglio sotto falso nome.

Piccola fine, perché l’ex Red Devil non potrà mai dire addio al Club Brugge. Mercoledì sera, spera di rimediare: “I fan mi hanno sempre supportato nel bene e nel male”, ha detto Stegen ad ATV questo fine settimana. “Ho qualcosa in serbo per ringraziarli. Vedrai cosa sarà.”

Un’altra cosa: Patro Esden – che attualmente è il numero tre dei dilettanti – non è da tempo nelle mani dell’illustre uomo d’affari olandese-iraniano Salar Azimi.

Joint American Group è ora il principale azionista.

Anversa deve temere il suo antico dio

Anche Anversa sta cercando una vecchia conoscenza stasera. Devono solo temerlo in campo. Un Dieumerci Mbokani ha firmato un contratto con l’SK Beveren poche settimane fa.

L’ex Scarpa d’Oro, che ha giocato 3 stagioni al Boswell, non ha mancato almeno il suo ritorno in Belgio.

Con due gol in quattro partite – tra cui un gioiello all’esordio – Beveren è in testa alla seconda divisione. Mark van Bommel conosce la reputazione dei congolesi?

Meux è il grande sconosciuto

Ogni anno c’è una grande incognita. Quest’anno, la squadra amatoriale vallone Meux ha sorpreso molti. Il club del villaggio tra Namur e Wavre affronterà per la prima volta nella sua storia una squadra di prima classe.

Quasi la metà della popolazione di 2.100 abitanti verrà presto a soggiornare con autobus gratuiti. Tuttavia, preferirebbero segretamente vedere un vero giocatore chiave contro l’Anderlecht o il Club Brugge a Meux.

Curiosità, il club è stato fondato nel 1946 da alcuni amici che erano stanchi di camminare per 6 km sotto la pioggia fino al campo di calcio più vicino.

READ  Attacco ATP/WTA: nessun punto in classifica a Wimbledon dopo che i giocatori russi (Bielorussia) sono stati eliminati | Wimbledon