QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Spagna altalenante travolge l’Italia ma ha bisogno di un autogol per vincere

La Spagna altalenante travolge l’Italia ma ha bisogno di un autogol per vincere

Spagna

Italia

  1. 15′ – Giallo – Gianluigi Donnarumma
  2. 45+2′ – Giallo – Rhodri
  1. 46′ – Giallo – Brian Christend
  2. 55′ – Autogol – Riccardo Calafiori (1 – 0)
  3. 64′ – Continua Federico Chiesa di Mattia Zaccagni
  4. 64′ – Continuazione. Matteo Redequin Gianluca Scamacca
  5. 69′ – Giallo – Robin Le Normand
  6. 71′ – Continua Petrie di Alex Pena
  7. 72′ – Continua Lamine Yamal di Ferran Torres
  8. 78′ – Continua Nico Williams di Ayos Perez
  9. 78′ – Continua Álvaro Morata Mikel Oyerzabal
  10. 82′ – Continua Lorenzo Pellegrini di Giacomo Rastori
  11. 90+4′-continua Fabian Ruiz di Michael Merino
  12. 90+6′ – Giallo – Dani Carvajal

Campionato Europeo – Giornata 2 – 20/06/24 – 21:01

Tempo Simbolo giocatore tempo a casa Icona domestica Un giocatore in casa Punto Esterno icona assente tempo di distanza

55′

Riccardo Calafiori

55′

Riccardo Calafiori

1 – 0

La Spagna ha fatto una dichiarazione contro i campioni in carica dell’Italia, qualificandosi immediatamente per gli ottavi di finale. Nonostante avessero bisogno dell’aiuto degli italiani per segnare, gli spagnoli hanno sopraffatto gli Azzurri con un attacco dopo l’altro.

Spagna – Italia in breve

  1. Uomo partita

    Pochi italiani sogneranno questa notte il terrore che Nico Williams ha abbattuto sulla fascia sinistra. Timori sbiancati e velocità vertiginosa, Williams ha giocato una partita quasi perfetta. Il suo meritato gol colpisce la traversa.

  2. Momento chiave

    È stata la Williams ad aiutare la Spagna a progredire. Prima dell’ora è andata di nuovo troppo veloce per gli italiani. L’esterno ha lanciato sotto porta, dove Donnarumma ha infilato in rete il pallone alle spalle di Calafiori. Diciamo che è un 21enne di una società di atletica.

  3. Statistiche

    Le statistiche xG (obiettivi attesi) non dicono tutto, ma oggi lo dicono soprattutto. La Spagna ha ottenuto almeno 2,26, quindi avrebbe dovuto segnarne almeno due, rispetto allo 0,18 dell’Italia.

Rosso contro Blu

Con Spagna-Italia avevamo in agenda un momento di punta della fase a gironi. Classiche del calcio europeo, quaranta precedenti. Si sono incontrati sette volte agli Europei, ma la Spagna è riuscita a vincerne solo uno.

READ  Anche l'Italia è afflitta da una carenza di etichette

È ora di cambiare la situazione, sembrava essere il messaggio. La Spagna ha iniziato furiosamente, molto veloce ovunque in campo, molto ben coordinata, molto creativa. Nico Williams: Nico Williams. Mangiò la pelle e i capelli del suo diretto nemico, Giovanni di Lorenzo.

La Spagna ha travolto gli italiani che hanno visto tutti i colori dell’arcobaleno. Non c’è stato nessun gol prima dell’intervallo, anche se la Williams ha realizzato di testa una grande occasione dopo dieci minuti.

Gizio Donnarumma era l’unico italiano sotto la traversa effettivamente allo stesso livello. Di volta in volta ha mantenuto il suo paese in riga. Sarebbe stato opportuno un forte grido di Fabian Ruiz, ma Donnarumma è rimasto fermo con una mano.

Finora Yamal non è stato all’altezza delle aspettative e non è diventato il marcatore più giovane del Campionato Europeo. Lo svizzero Johann Vonlanden rimarrà una domanda a quiz per i giorni a venire.

Carrozza

L’allenatore dell’Italia (guardate il retro della sua giacca) Luciano Spalletti sapeva di dover intervenire. Andrea Cambiaso e Brian Christand sono stati mandati al pascolo con il messaggio di lottare duramente. A meno di 25 secondi dall’inizio del secondo tempo, quest’ultimo aveva già ricevuto un cartellino giallo e, che dite, un contrasto molto determinato su Rodri.

Quasi nulla è cambiato nell’immagine del gioco. Petrie ha avuto un paio di grandi occasioni, facendo nuovamente la sua comparsa sulla fascia sinistra, ma non si è trasformata.

La scena a naso chiuso cominciava a prendere forma nelle nostre teste, ma sono stati gli italiani a contribuire a rompere la barriera. Il Superman del gioco, la Williams, lancia un cross in area, che rimbalza in rete superando Donnarumma e Calafiori.

Gli italiani hanno visto gli spagnoli lottare per il secondo posto. Yamal si è girato di poco a lato per consentire a Williams di colpire la traversa. Anche il subentrato Perez non è riuscito a mettere la palla in rete con due ottime occasioni.

READ  La peste suina africana si diffonde in Italia attraverso il cibo per cani contaminato

In assenza del secondo, gli italiani hanno sposato sangue e pressione spagnola. Tuttavia, il ritmo e l’agilità della Spagna non c’erano, quindi le possibilità erano ancora poche e rare. Anche Donnarumma, arrivato avanti, non è riuscito a farcela all’ultimo minuto.

Nonostante il risultato modesto, la Spagna ha tenuto il torneo. L’Italia, invece, non ha nemmeno la garanzia del passaggio del turno, dato che lunedì dovrà affrontare la Croazia.

Guarda l’autogol di Calafiori:

Contiene contenuti inseriti dai social network che vogliono scrivere o leggere cookie (𝕏) Non hai dato il permesso per questo.

Il ct dell’Italia Spalletti: “Sono stati molto bravi”

Luciano Spalletti Onesto dopo il diluvio italiano: “La differenza è stata nella freschezza, loro erano freschissimi. Il fondo del problema era sempre lo stesso: noi eravamo sempre troppo lenti e loro mettevano in difficoltà la velocità e le loro scelte. Nel secondo tempo eravamo più situazioni intense e create che hanno portato al pareggio, ma loro ci hanno battuto, sono più forti e più meritevoli di vittoria.

Uomo partita NicoWilliams L’Italia gioca dal tappeto: “All’inizio è stato difficile ritrovarsi, ma ce l’abbiamo fatta. Abbiamo lavorato come animali. L’Italia si è difesa, ma abbiamo avuto tante occasioni, ora la vittoria. Lo abbiamo dimostrato. Possiamo ottenere qualcosa” meglio in questo Campionato Europeo e può raggiungere risultati.”

Passo dopo passo

La Super Spagna continua ad emozionare

Vincik libera i cardiopatici spagnoli. Gli uomini di Luis de la Fuente erano enormi, dominanti e la migliore squadra in campo. Il fuoriclasse Nico Williams (Donnarumma e) ha costretto Calafiori a un autogol, ma La Furia Roja non è riuscita a ottenere altro che una vittoria di misura. Alla fine hanno perso il controllo della partita, ma nonostante un quarto d’ora teso, la Spagna ha strappato i tre punti a Gelsenkirchen. Troppoqualificato.

READ  8 consigli per viaggiare sostenibili e innovativi nel 2024

È corpo a corpo e Calafiori cerca di ribattere l’autogol con un tiro a mezzo giro, ma senza successo. Poi e la fine della partita.

Siamo ai supplementari e l’Italia sta cogliendo l’ultima occasione con entrambe le mani. Cambiaso deve concedere un corner e Donnarumma attraversa il campo.

Si genera tra gli spagnoli, con sgomento dei bianchi. De la Fuente effettua la sua ultima sostituzione.

Anche Perez dimostra classe tecnica

Non sono grandi, Perez! All’improvviso l’esterno si ritrova nello spazio, ma traballa e non riesce a superare il lungo braccio di Donnarumma. È giunto il momento di prendere le distanze, un errore costoso?

Dexels ha impedito a Donnarumma Perez di segnare due volte

Ayos Perez è subentrato alla Williams e ora lo segue. Accelerazione a sinistra, pannatje e scale. Come Williams, non ha segnato. Altri tre minuti di calcio.

Verranno aggiunti altri 4 minuti.

Dani Carvajal si scontra effettivamente con le gambe di Redequin, ma poi usa la sua tattica migliore. Torcersi e rotolarsi per il dolore, poi rialzarsi velocemente. Carvajal, il vincitore assoluto.

Subito di nuovo Italia

Gli azzurri, oggi in bianco, recuperano subito palla e all’improvviso per gli spagnoli diventa stress. Hanno perso completamente il controllo.

È una bella cosa di Raspatori, ma non la tocca nessuno. Simon ti sceglie e ora sceglie di non impostare immediatamente il contatore.

La Spagna non riesce a far rientrare gli Azzurri nelle loro stanze, e un calcio d’angolo per l’Italia fa alzare il tetto della Veldins Arena. I burattini iniziano a ballare e Vinci deve spegnersi prima di calciare. Non succederà, vero?

Era ancora solo 1-0

Peter Vandenbempt