QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La squadra di ginnastica belga finisce 5a in finale, l’Italia campionessa d’Europa | Campionato Europeo

Tra le qualificazioni, Lisa Whelan, Noemi Loon, Jutta Verghest, Mellis Brassard e Fien Engels hanno dimostrato che la ginnastica belga è ancora viva senza Nina Dervale. Whalen in particolare, che è arrivato 5° assoluto, ha avuto un impatto giovedì.

Ma le finali della squadra sono iniziate in modo drammatico per lui. Lisa Whalen era Lisa “Whalen” alla trave. Dai cicli successivi, i belgi possono gradualmente avanzare di grado.

Nel volteggio, dove ha raggiunto anche la finale individuale, Whalen ha dimostrato che l’esercizio alla trave non ha lasciato traccia. Con un impressionante 14.200 ha riportato in corsa il Belgio, anche se le medaglie erano tutt’altro che finite.

Una lotta con l’Olanda per il 4° posto sembrava ancora imminente nell’esercizio finale di bridge, ma dopo la caduta di Fiennes Engels, quell’ambizione potrebbe essere abbandonata. Whalen ha concluso la giornata in bellezza con un fantastico allenamento (14.066).

La battaglia per l’oro non è stata molto entusiasmante in quanto l’Italia (con Asia D’Amato e Martina Maggio che hanno conquistato oro e bronzo individuali) era una classe molto forte per la competizione, con le donne britanniche in testa. La Germania si è superata davanti al pubblico di casa conquistando il bronzo.

(Leggi il commento sotto il video)

Dopo di che i belgi possono vivere con il 5° posto. “Come ha detto Marjorie (Heels, allenatore): abbiamo commesso degli errori, ma nel complesso abbiamo giocato una buona partita”, ha detto Lisa Whalen.

“Una finale a squadre è completamente diversa dalle qualifiche, con quei divari intermedi. Siamo riusciti a mantenere la calma”.

READ  Mahdi non voleva prendere immigrati dall'Italia

“Nell’ultimo anno sono cambiate molte cose”, aggiunge Fein Engels. “Un anno dopo i Giochi, ognuno la vive in modo diverso. Ma come squadra ne siamo usciti bene. Ogni squadra dovrebbe cercare di vincere per le finali”.

La squadra di ginnastica è rimasta particolarmente colpita dall’atmosfera di Monaco. “Questa è la prima volta che teniamo una grande competizione di ginnastica davanti al pubblico”, afferma Jutta Verghest. “Spero che l’atmosfera sarà buona o anche migliore durante la Coppa del Mondo ad Anversa”, conclude Noemi Lunn.