QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La stampa britannica ha criticato il documentario di Netflix su Harry e Meghan: “Vuoi assistere a una maratona di lamentele? Ti servirà un sacco per il vomito”

© EPA-EFE

Non dovrebbe sorprendere che la stampa britannica scriva in modo così sgarbato sulle docuserie di Harry e Meghan. I tabloid, in particolare, da tempo si concentrano in particolare sulla coppia reale. Non sorprende che il contenuto sia principalmente negativo. Esempio? “Vuoi guardare una maratona di gemiti? Quindi assicurati di avere un sacchetto per il vomito a portata di mano. “

Jesse Van Renmortel

Il giornalista e presentatore Piers Morgan chiede al quotidiano britannico The Sun: “Chi sono le maggiori vittime nel mondo adesso?” Potresti pensare che questi siano i poveri dell’Ucraina. O quelli le cui vite sono state sconvolte dalla pandemia di Corona. O i milioni che devono combattere la povertà nella crisi devastante di oggi. Ma no, le più grandi vittime del mondo sono Meghan Markle e il principe Harry, due narcisisti incredibilmente ricchi e privilegiati. Se non mi credi, chiediglielo tu stesso. O meglio ancora, sforzati di guardare una maratona di lamentele su Netflix. Avrai bisogno di un sacchetto per il vomito.

Hobla. Il tono è stato impostato. La stampa britannica non ne ha mai abbastanza della famiglia reale. I tabloid sono sempre stati molto schietti sulla coppia di principi Harry e Meghan. Ora che i primi tre episodi della loro serie di documentari sono disponibili su Netflix – in cui offrono la loro parte di quella famiglia reale, che secondo quanto riferito guadagna $ 100 milioni – stanno lasciando scatenare tutti i loro demoni.

“Il principe Harry è diventato ciò che dice di odiare”, ha scritto Paul Baldwin sul Daily Express. Ha dedicato gran parte della sua vita adulta ad attaccare il giornalismo. Ha sempre affermato che le caldaie distorcono la verità. Ora, con i complimenti dei suoi nuovi amici di Netflix e un assegno di 88 milioni di sterline (100 milioni di euro) ovviamente, è diventato un maestro nel giocare e distorcere la verità”.

Una terribile ironia

The Mirror riempie la sua homepage con una lunga serie di articoli sulla coppia. I titoli recitavano “Il principe William oltraggiato dal video di Diana nella serie Netflix” e “Sei affermazioni di Harry e Meghan che ora si sono dimostrate completamente false”. Il Daily Mail titola: “Furia di palazzo contro Meagflex” e “Harry e Meghan attaccano la Gran Bretagna ‘razzista’”. Il Times scrive che i reali britannici possono stare tranquilli. “È tutta colpa dei media”. The Independent si espande su questo argomento. Secondo Sean O’Grady, c’è una “terribile ironia nel cuore del documentario.” “Se Harry e Meghan vogliono vivere una vita privata, non dovrebbero fare accordi multimilionari con Netflix in base alla loro fama e al loro status di celebrità .”

C’è una voce diversa al The Guardian. Jim Waterson scrive: “Tutti quei tabloid che hanno bruciato la coppia reale per aver realizzato una serie Netflix stanno usando lo stesso documentario per attirare i lettori”. Ci sono anche pesanti critiche alla stampa britannica e al modo in cui Harry e Meghan vengono trattati dal punto di vista politico. Il deputato laburista Chris Bryant ha detto in un discorso che i tabloid britannici stavano riempiendo le loro colonne con “materiale odioso di Meghan Markle”. “È il pool più ricco di programmi di clic”, ha affermato. Questo è il motivo per cui così tanti opinionisti britannici dicono così tante sciocchezze sulla coppia. Non perché la storia conta. Non che a loro importi davvero. Perché gli fa guadagnare soldi”.

READ  La principessa Delphine si è allenata per evitare il "momento di Sharon Stone" nel National Day