QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La storia dietro la foto del bambino di 6 anni che piange sua madre sulla sua tomba a Botsja

Rodrigo Abd © AP

Con il ritiro delle forze russe da Kiev, l’orrore che avevano creato divenne chiaro a tutti. Immagini di cadaveri, dolore e danni si sono diffuse in tutto il mondo. Lo stesso vale per Vlad, sei anni, di Poetsia, che è in lutto sulla tomba di sua madre.

Nina Nzenza

Vlad Tanyuk, sei anni, è in piedi presso la tomba di sua madre avvolto dal calore e visibilmente commosso. La mamma, Ira Tanyuk, non è stata uccisa nel massacro di Botha, che ha causato 340 vittime, ma è morta di fame e di stress a causa della guerra. È stata sepolta nel cortile della loro casa alla periferia di Kiev. Altre foto mostrano il ragazzo che depone cibo e bevande sulla tomba di sua madre. Le foto che hanno fatto il giro del mondo sono state catturate da Rodrigo Abd, un fotoreporter per l’Associated Press.

Tribunale

Martedì notte il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di aver commesso “le più terribili atrocità dalla seconda guerra mondiale” in un videomessaggio al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Secondo lui, coloro che hanno eseguito gli omicidi e coloro che hanno dato gli ordini dovrebbero essere giustiziati davanti a un tribunale simile a quello utilizzato nella Germania del dopoguerra.

Nel frattempo, gli esperti temono che ci saranno molti luoghi in cui le forze russe hanno commesso crimini di guerra. L’ufficio del procuratore generale ucraino ha già registrato più di 7.000 denunce di crimini di guerra russi, nella sola regione di Kiev.

Leggi anche. Le conversazioni interrotte sull’orrore a Bosha indicano il peggio

READ  Cinque morti nell'esplosione di un impianto chimico in Slovenia | all'estero