QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La torta è pronta! La fine dei cookie di terze parti – CustomerFirst

Dopo Apple, il colosso della tecnologia Google ha annunciato la fine ufficiale dei cookie di terze parti nel 2022 su Chrome, il browser web più popolare al mondo con una quota di mercato del 65%.

La scadenza di Chrome si avvicina e gli inserzionisti sono alla ricerca di alternative. La domanda sorge spontanea: questo significa che il marketing, come lo conosciamo oggi, crollerà? In questo blog ti aggiornerò sugli sviluppi e sulle nuove opportunità per migliorare i tuoi strumenti di marketing.

E i cookie di terze parti?
Il 78% dei consumatori si dichiara preoccupato per la protezione dei propri dati personali. La preoccupazione più grande è rivendere i propri dati e condividerli con i fornitori di annunci. Ed è esattamente quello che fanno questi biscotti! Tuttavia, questo scomparirà. Google annuncia il suo passaggio alle “tecnologie per la privacy”. Queste tecnologie hanno lo scopo di fornire contenuti personalizzati online, senza esporre gli utenti alla rivendita delle loro informazioni private. Preparati a tre conseguenze di “cookiepocalypse”:

1. Trasformazione in proprietà dei dati dei consumatori
Il blocco dei cookie di terze parti influisce naturalmente sul modo in cui inserzionisti e professionisti del marketing raccolgono i dati e con esso anche il marketing digitale sta cambiando. Se un marchio non è in grado di identificare un utente Internet, gli interessi, la cronologia e il comportamento dei clic dei consumatori non possono essere utilizzati per inviare contenuti personalizzati. Ecco perché il 60% dei professionisti del marketing afferma di investire in cookie proprietari. I dati dei consumatori vengono raccolti sui nostri siti Web utilizzando cookie proprietari, ad esempio il comportamento dei clic e la cronologia degli acquisti.

READ  `` MacBook Pro da 14 pollici a un prezzo più alto, ottiene le stesse prestazioni di 16''

Inoltre, l’attenzione si sposterà anche su zero cookie. Si tratta di dati che i consumatori lasciano volontariamente o con il permesso. I dati zero-party vengono spesso ottenuti in cambio di sconti o promozioni e contengono informazioni dettagliate, come dettagli sull’indirizzo, dati demografici e attività sui social media.

Questa è un’opportunità per i marchi di interagire con i consumatori sfruttando i propri dati; Non solo proteggendo la loro privacy, ma anche fornendo esperienze significative ai clienti che portano alla fedeltà dei consumatori.

2. Definizione e significato per dati del consumatore
Quando le aziende smettono di utilizzare i cookie di terze parti per raccogliere dati sui consumatori, viene minacciata una proprietà importante: la capacità di identificare i consumatori. Ad esempio, il 40% dei professionisti ora utilizza soluzioni di accuratezza dell’identità per identificare i consumatori e sviluppare profili basati su dati proprietari. I motori di marketing AI, che creano automaticamente un percorso del cliente personalizzato basato su dati volontari dei consumatori, stanno diventando sempre più necessari. In questo modo, i professionisti del marketing possono ancora dipingere un’immagine del consumatore senza cookie di terze parti.

3. L’emergere dei monopoli
Google si impegna a non sviluppare metodi alternativi per tracciare gli utenti di Internet. Ma non commettere errori, la fine dei cookie di terze parti non è la fine del tracciamento! Dopotutto, gli esperti si aspettano che si sviluppi un’altra forma di monitoraggio. Per Google, questo sviluppo è burro sulla torta. Il monopolio di Google si rafforza, perché i marketer che vogliono offrire un coinvolgimento personalizzato sulla piattaforma dovranno pagarli.

Lo stesso vale per Apple, che già due anni fa aveva vietato i cookie di terze parti sul suo browser Safari. Ad esempio, Apple ha uno dei profili utente più completi al mondo, compresi i dati sull’attività fisica raccolti tramite l’Apple Watch. Quindi il passaggio di Apple alla pubblicità non è un inevitabile, ma un momento.

READ  I 5 modelli Pokemon più insoliti

Marketing in un mondo post-cookie
Il marketing digitale si sta trasformando. I maggiori player continueranno a seguire i consumatori sulle proprie piattaforme. Con reti pubblicitarie e player di medie dimensioni, questo non è un gioco da ragazzi. Dovranno adattare i loro modelli di business nei prossimi mesi e investire nei loro cookie zero e first party. Non dimenticare che questo cambiamento offre anche l’opportunità di costruire una connessione personale con i consumatori come marchio.

L’aspettativa è che i cookie di terze parti scompaiano ufficialmente in Google Chrome entro la metà del 2022. Come sarà esattamente in pratica è ancora una domanda. Ti terrò aggiornato su soluzioni alternative e quando ne sapremo di più su “il modo in cui un cookie collassa”.

Dennis Peters
Benelux & Nordics Regional Sales Manager presso Selligent Marketing Cloud