QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Toyota bianca che da anni è stata nascosta alle forze americane è in corso di scavo: ecco perché è così importante per i talebani | All’estero

I talebani hanno rivelato un’auto Toyota bianca appartenente al suo defunto fondatore Mullah Omar. Ha usato l’auto per fuggire dalle forze americane nel 2001. L’auto è stata ben nascosta per vent’anni. Fino ad ora.

Il ministro della Difesa Mullah Muhammad Yaqoub – il figlio del Mullah Omar – aveva ordinato ai funzionari di esporre l’auto.

Le foto, che sono state fatte circolare su Twitter, mostrano l’auto scavata ancora coperta da pellicola e situata in un villaggio tradizionale nella provincia meridionale di Zabul. Sembra essere “ancora in buone condizioni”.

Ha invitato alti funzionari a esporre l’auto al Museo Nazionale di Kabul. Ospita tutti i carri e le carrozze di ex re e primi ministri.


“Un uomo che ha partecipato all’evento più emozionante della storia è stato guidato da questa macchina”, ha scritto su Twitter Anas Haqqani, fratello del ministro dell’Interno Sirajuddin Haqqani.

Si fidava di Dio Onnipotente e comandò i talebani in una guerra impari contro dozzine di paesi invasori e vinse. Questo souvenir… dovrebbe rimanere nel museo nazionale del paese”.

Bet Dam, autore di una biografia del fondatore talebano – “Alla ricerca del nemico” – ha detto che il Mullah Omar era noto per aver lasciato la sua base a Kandahar su una Toyota bianca alla fine del 2001 dopo che le forze sostenute dagli Stati Uniti avevano rovesciato il governo.

READ  Perché il cambiamento climatico? I migliori giocatori disegnano con centinaia di...

Ha seppellito la sua macchina per la fuga e si è nascosto. Nonostante avesse in testa una ricompensa di $ 10 milioni (sono stati trasferiti più di dieci milioni di euro), l’allora leader non è stato arrestato per tutto questo tempo. Omar alla fine è morto nel 2013, ma il gruppo terroristico ha riconosciuto la sua morte solo due anni dopo.

Leggi anchePutin vuole migliori relazioni con i talebani