QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La trombectomia per infarto cerebrale è più sicura grazie alla ricerca olandese

Non è raccomandato somministrare anticoagulanti durante la trombectomia dopo ictus ischemico acuto. Non aumenta le possibilità di guarigione e può anche portare a gravi complicazioni.

Ciò è dimostrato dallo studio RCT, lo studio MR CLEAN-MED, in cui i pazienti che hanno ricevuto anticoagulanti sotto forma di aspirina (acido acetilsalicilico) o eparina durante la trombectomia sono stati confrontati con un gruppo di controllo che non ha ricevuto questi farmaci. Lui lei Ricerca Coordinato da Erasmus MC; Wouter van der Steen ao ha pubblicato i risultati su The Lancet.

fermare

Nel gruppo che riceveva aspirina o eparina per via endovenosa, il rischio di emorragia cerebrale maggiore era significativamente maggiore rispetto al gruppo di controllo. Nel primo gruppo, una grave emorragia cerebrale si è verificata con una frequenza doppia rispetto a quella che si è verificata nei pazienti che non hanno ricevuto questi farmaci. Ciò includeva il 14% dei pazienti nel gruppo acido acetilsalicilico e il 13% nel gruppo eparina, contro il 7% dei pazienti nel gruppo di controllo. In totale, i ricercatori hanno arruolato 628 pazienti nello studio, fino a quando lo studio non è stato interrotto all’inizio di febbraio sulla base di un’analisi provvisoria di sicurezza.

emorragia intracranica

I risultati sono molto importanti, perché c’è un’ampia variazione nella pratica mondiale nell’uso di entrambi gli agenti durante la trombectomia, afferma il neurologo e autore recente Bob Rosenbeck. “Questa discrepanza è spiegabile, dati i risultati divergenti di una serie di studi osservazionali”. Ad esempio, c’è stato uno studio che non ha mostrato differenze significative nell’esito funzionale tra i pazienti trattati con eparina e i pazienti senza eparina per via endovenosa durante la terapia endovascolare. Ma quello studio ha anche mostrato che i centri che usavano l’eparina più spesso avevano risultati migliori. Mentre altri studi osservazionali hanno riportato un leggero aumento dell’emorragia intracranica sintomatica, hanno anche suggerito un effetto benefico sugli esiti neurologici o funzionali.

READ  I ricercatori uniscono le forze per combattere la resistenza antimicrobica

“Il fatto che l’aspirina e l’eparina portino a più emorragie cerebrali può essere dovuto al danno del tessuto cerebrale causato dal grande infarto”.

Pertanto, i risultati dell’RCT non sono stati in linea con le aspettative. Rosenbeck spiega cosa ne pensa: “Abbiamo ipotizzato che la trombectomia potesse rimuovere con successo il grosso coagulo dall’arteria cerebrale e che i piccoli blocchi nei piccoli vasi sanguigni potessero essere risolti con anticoagulanti, migliorando il flusso sanguigno. Sapevamo che il rischio di sanguinamento sarebbe stato un po’ più alto, ma pensavamo anche che questo inconveniente superasse il potenziale beneficio dell’apertura di quei piccoli vasi. Ciò è derivato anche dai risultati di altri trattamenti utilizzati nella cura dell’ictus, come la trombolisi, dove il rischio di sanguinamento è notevolmente aumentato, ma sappiamo anche che il recupero è migliorato perché i vasi sanguigni si aprono meglio. Il fatto che l’aspirina e l’eparina, come è stato ora dimostrato, in realtà portino a più emorragie cerebrali è probabilmente dovuto al danno del tessuto cerebrale causato dal grande infarto. Quindi è più incline al sanguinamento. Secondo Roozenbeek, una nuova ricerca dimostra ancora una volta il potere dell’RCT: non è sempre possibile correggere tutti i fattori di confusione con studi osservazionali, il che rende i risultati meno affidabili.

Regola la linea guida

Quindici centri nei Paesi Bassi hanno partecipato allo studio MR CLEAN-MED, quasi tutti gli ospedali che praticano la trombectomia. Ora dovrebbero adattare il loro trattamento. I risultati si rifletteranno anche nelle linee guida, prevede Rosenbeck, presidente del gruppo di lavoro sulle linee guida nei Paesi Bassi. “Le linee guida internazionali saranno senza dubbio modificate a tempo debito”.

READ  Un posto sul memoriale della corona rivelato dal vincitore del premio

Ricerca in The Lancet: https://doi.org/10.1016/S0140-6736(22)00014-9



Leggi anche