QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La tua guida alla Tirreno-Adriatico 2022: Tadej Pogacar vs. Remco Evenepoel? † Tirreno Adriatico

L’edizione 2021 porta un sorriso spontaneo da parte di ogni appassionato di ciclismo. La Tirreno-Adriatico è stata probabilmente la miglior gara (settimana) della scorsa stagione.

Wout van Aert è andato in Italia per mettersi alla prova come uomo di classifica per una corsa a tappe di una settimana e ha tirato fuori il botto: Van Aert ha vinto la gara il primo giorno.

Quello che seguì fu un incontro di wrestling tra G4 – Van Aert, Mathieu van der Poel, Julian Alaphilippe e Tadej Pogacar – per non dire altro.

Ogni diritto ha la sua quota. Il campione del mondo ha sfidato i suoi rivali in un gigantesco duello, Van der Poel si è fatto una bella risata il terzo giorno e Pogacar ha afferrato la maglia del leader il giorno successivo dopo il finale tagliente di Kim.

E il quinto giorno? Quella domenica, 14 marzo, fu una giornata dolorosa. Sotto la pioggia battente, Van der Poel ha scosso da solo una bestia a 50 chilometri dalle sue cosce.

Questa giornata è scolpita nella memoria di ogni fanatico del ciclismo, ma i campioni stessi non dimenticheranno presto quella quinta tappa.

Hanno rubato i loro corpi senza nemmeno rendersene conto, e prima o poi tutti pagheranno per questi sforzi.

In quell’eroica corsa sul muro, Pogacar si è quasi assicurato la vittoria a tutto campo. Non ha mollato la maglia a San Benedetto del Tronto, dove nell’ultima cronometro Van Arte aveva più cavalli di Stefan Kung e Filippo Gana.

(Fai nuovamente clic sulle fasi dell’anno scorso sotto la valutazione finale per leggere un report e visualizzare le foto)

READ  Bumblebee tra i simboli delle freccette: l'irritabile Gerwin Price chiama l'avversario "grasso" dopo l'agonizzante sconfitta al Czech Open Darts Championship

Nel 2022 l’organizzazione ha più o meno cambiato la pistola.

Da notare che la Tirreno-Adriatico inizia già lunedì, non mercoledì. Quindi il periodo di recupero dopo le Strade Bianche è limitato a un solo giorno.

La corsa italiana di solito si conclude sempre con una sola cronometro, e lavorare contro il tempo è il ballo di apertura di quest’anno. È una cronometro fisso di poco meno di 14 chilometri.

I corridori vengono premiati (in linea di principio) nel secondo e terzo giorno e nella quarta fase, i corridori e le lucertole murarie ottengono il valore dei loro soldi. Dopo una giornata con oltre 3000 metri di dislivello, arriviamo ad un tornante poco meno di 4 km.

Venerdì possiamo gustare la tradizionale “Tappa dei Muri”. Il finale è marinato con pareti a doppia pendenza.

È un duro riscaldamento per la tappa dei Queen di sabato. Nella penultima giornata Peloton deve battere due volte in finale il Monte Carpigna. Questo fu l’addestramento del defunto generale di brigata Marco Pantani. Non c’è una salita: la fine dopo l’atterraggio.

Il gruppo di San Benedetto del Tronto riceverà di nuovo l’ultimo giorno, ma non finiremo con una cronometro, ma in sella all’ultimo corridore.

In ogni caso, sarà un’altra settimana a strisciare nei vostri vestiti: 3 tappe che superano i 200 km e percorriamo oltre 14.000 altimetri, un record per Terino.

Wout van Aert ha scelto la Parigi-Nizza quest’anno e Mathieu van der Poel non è ancora pronto per competere.

Quindi Julien Alfelipe e Tadej Pojaccar rimangono dal G4 dello scorso anno. Alaphilippe non è uscito indenne da Strade, e lo sloveno ha vinto il suo consueto incarico (sponsor) negli Emirati, Strade Bianche ed è anche top candidate in Italia.

READ  I fan senza biglietto cercano di prendere d'assalto Wembley prima dell'inizio della finale del Campionato Europeo | Campionato europeo di calcio (11 giugno - 11 luglio)

Chi può mettere i bastoncini nelle ruote? Le nostre prime coppe belghe maculate sono Remco Evenepoel. Dopo il secondo posto a Valencia e la vittoria assoluta in Algarve, ora è un pugile di categoria superiore.

La competizione sarà composta da Jonas Vinggaard, Tibo Bennott, Roman Bardet, Jacob Vogelsang, Enrique Maas, Wilco Kieldermann, Rigoberto Uran, Giulio Ciccone, Miguel Angel Lopez, Richard Carapaz, Richie Porte, Domenico Pozovovo e Damiano Caruso.

Nel gruppo sprint, vediamo dimostrazioni di forza tra Mark Cavendish, Pascal Ackermann, Arnaud Demarie, Alberto Daines, Caleb Ewan, Jordi Meus, Elia Viviani, Peter Sagan, Alexander Christoph, Michael Matthews, Phil Bauhaus, Nasser Bouhani e Tim Merler. .

Ravviva il campo: Kasper Asgreen, Greg Van Avermaet, Benoît Cosnefroy, Brent Van Moer, Tim Wellens, Mark Padoon, Gianni Moscon e Matej Mohoric.

Seguiamo ogni giorno dall’inizio alla fine con un rapporto di testo. Riceverai anche interviste con eroi dall’Italia.

Durante la trasmissione del fine settimana su Radio 1 ci sarà un ulteriore interesse per il panorama italiano e si parlerà anche di Tirreno-Adriatico su Heat Journal.