QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Turchia prepara improvvisamente panini dolci con tutti i suoi vicini, anche con l’Armenia

Definito l’ordine del giorno del prossimo incontro: non c’erano altri risultati in vista per il primo incontro tra i rappresentanti ufficiali di Turchia e Armenia, svoltosi venerdì a Mosca. Tuttavia, è stato un incontro storico dopo tre decenni di animosità. I due Paesi affermano di puntare a “normalizzare le relazioni”.

Il riavvicinamento è anche la millesima trasformazione consecutiva nella politica estera del governo turco. Un anno e mezzo fa, la Turchia ha avuto conflitti con quasi tutti i paesi della regione, dall’Egitto all’Arabia Saudita e da Israele all’Iraq. All’inizio dello scorso anno, Ankara si è resa conto che non era più così. Da allora, la Turchia ha calmato i disaccordi uno per uno.

L’Armenia ora può essere sospesa. I due paesi hanno nominato inviati per porre fine alla freddezza nelle relazioni. L’alto diplomatico turco Serdar Kılıç e il vicepresidente del parlamento armeno Rubin Rubinyan hanno iniziato venerdì. Le due parti hanno affermato che i colloqui si sono svolti in un “atmosfera positiva e costruttiva”.

Genocidio armeno

I paesi vicini sono in disaccordo da quasi trent’anni. La Turchia si è affrettata a riconoscere il nuovo stato dell’Armenia dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica, ma le relazioni diplomatiche non sono mai state raggiunte. Nel 1993 scoppiò una guerra tra Armenia e Azerbaigian sulla regione del Nagorno-Karabakh e la Turchia si schierò con l’Azerbaigian. Gli azeri appartengono ai popoli turchi. Il confine tra Armenia e Turchia è stato chiuso, il commercio interrotto.

La Turchia si è dimostrata ancora una volta un alleato dell’Azerbaigian quando si è scontrata di nuovo con l’Armenia sul Nagorno-Karabakh nel 2020. Grazie all’aiuto dell’esercito turco, che ha schierato molti droni, gli azeri hanno vinto. Hanno riconquistato gran parte dell’area contesa.

Un uomo trasporta oggetti dalla sua casa in Azerbaigian che è stata distrutta dai bombardamenti armeni. La Turchia è stata al fianco dell’Azerbaigian negli scontri armeno-azerbaigiani del 2020 intorno alla regione assediata del Nagorno-Karabakh.immagine AP

Sebbene turchi e armeni abbiano deciso di lasciarsi alle spalle questo incidente, le relazioni tra i due paesi sono sospese su uno shock molto più grande: il trauma del genocidio armeno del 1915. Le due parti non saranno mai d’accordo sulla sua datazione. Anche il termine “genocidio” è tabù per i turchi.

Tuttavia, ciò non impedisce ai due governi di compiere passi concreti. Alla fine dell’anno scorso è stato annunciato che il traffico aereo tra Yerevan e Istanbul sarebbe ripreso a febbraio dopo una pausa di tre decenni. L’Armenia afferma di aspettarsi di aprire le frontiere terrestri e di stabilire relazioni diplomatiche.

Litigio sui profughi

Le parole “scioglimento” e “normalizzazione” sono diventate di recente parole chiave nella politica estera di Ankara. Il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan ha fatto molta strada in questo senso. Una volta, fino a una decina di anni fa, la strategia ufficiale era “zero problemi” con i vicini, ma si è rivelato il contrario.

Il livello più basso è stato raggiunto nel 2020. Con una serie di paesi arabi (Arabia Saudita, Egitto, Siria, Emirati Arabi Uniti), la Turchia è in disaccordo. Nel Mediterraneo, la marina turca è in massima allerta a causa del conflitto con Grecia e Cipro per le scoperte di gas. Le relazioni con l’Unione Europea sono state peggiori che mai dopo che Erdogan ha minacciato di aprire le “porte dell’Europa” a 4 milioni di profughi siriani. La Turchia ha discusso con gli Stati Uniti per l’acquisto di un sistema di difesa antiaerea russo.

Ma ora Erdogan ha dato un ruolo importante al volante. I panini dolci vengono sfornati di nuovo con tutti. C’è un dialogo costruttivo con Egitto, Grecia e Israele, e tutto questo è positivo con gli Emirati, che in precedenza erano stati danneggiati. L’analista politico Talha Kos ha dichiarato nella sua colonna sul quotidiano filogovernativo: Mattinata quotidiana Una svolta in politica estera.

Il mese prossimo, Erdogan farà il prossimo grande passo. Si reca poi in visita ufficiale in Arabia Saudita, casa del giornalista Jamal Khashoggi, smembrato nell’ottobre 2018 presso il consolato saudita a Istanbul – con rabbia dei turchi – da una squadra speciale. Domanda più scottante: Erdogan stringerà la mano al principe ereditario Mohammed bin Salman a Riyadh, l’uomo che probabilmente ha ordinato l’assassinio?

READ  Errore nel caso Gabi Pettito: il fidanzato Brian Laundry è riuscito a farla franca con un errore della polizia | All'estero