QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vaccinazione contro il virus corona funziona bene durante il trattamento del tumore solido

Liesbeth de Vries, professore di oncologia medica presso l’UMCG e capo della ricerca presso lo studio VOICE – (Covid Vaccination in Cancer).

Un totale di 503 pazienti con tumori solidi e 240 soggetti del gruppo di controllo, tutti partner dei pazienti, sono stati vaccinati con il vaccino Moderna mRNA. Hanno ricevuto due dosi a distanza di quattro settimane. La prima vaccinazione è stata effettuata entro tre mesi dall’ultima somministrazione di immunoterapia o entro quattro settimane dall’ultima applicazione di chemioterapia. La produzione di anticorpi contro il coronavirus dopo due vaccini è stata scelta come endpoint primario dello studio. Una risposta virale positiva (sieroconversione) è stata definita come una concentrazione di più di 10 anticorpi legati al virus per millilitro di siero sanguigno.

Lo studio non ha mostrato differenze nella risposta tra pazienti e controlli 28 giorni dopo la seconda vaccinazione. Tutti i controlli hanno raggiunto la sieroconversione a quel punto, così come molti pazienti: 99,3% per l’immunoterapia, 97,4% per la chemioterapia e 100% per la chemioterapia. Questo era vero per la sieroconversione, ma i ricercatori volevano vedere se la risposta emersa offrisse protezione contro l’infezione da COVID-19. A seconda della capacità degli anticorpi di neutralizzare il virus, un valore di 300 anticorpi legati al virus per ml sembrava essere il confine tra una risposta subottimale e una risposta adeguata.

Dopo le due vaccinazioni, è stata ottenuta una risposta adeguata nel 93,1% dei pazienti che hanno ricevuto l’immunoterapia, l’83,8% in chemioterapia e l’88,8% in chemioterapia. Nel gruppo di controllo è stata trovata una risposta adeguata nel 99,6% dei soggetti di controllo. Nella maggior parte dei pazienti, la concentrazione anticorpale è aumentata dopo la seconda vaccinazione. Ciò indica che nel gruppo di pazienti che non ha raggiunto il valore di cut-off di 300 anticorpi leganti il ​​virus dopo le due vaccinazioni, la terza vaccinazione può ancora dare una risposta adeguata. Questo sarà studiato in ulteriori ricerche. Solo un paziente è stato infettato da COVID-19 fino a 28 giorni dopo la seconda vaccinazione. Durante lo studio non sono stati osservati effetti collaterali inattesi della vaccinazione.

READ  Già in India stanno emergendo migliaia di casi di funghi mortali ...

Lo studio VOICE è stato avviato quando si è scoperto che il COVID-19 può avere gravi conseguenze per i malati di cancro. Ciò ha sollevato la questione se la vaccinazione contro la corona sia efficace e sicura per questi pazienti. La chemioterapia può ridurre la risposta immunitaria causata dai vaccini, mentre si sa poco dell’immunoterapia, che può potenziare la risposta immunitaria e quindi causare effetti collaterali.

I ricercatori stanno ancora monitorando i partecipanti allo studio. Attualmente stanno raccogliendo dati da sei mesi dopo la vaccinazione. Sarà anche studiata la risposta delle cellule T, poiché queste cellule immunitarie possono contribuire alla protezione contro il COVID-19.

Si prevede che presto sarà pubblicato su The Lancet Oncology (in corso di stampa) un “prospettico studio multicentrico di vaccinazione per COVID-19 in pazienti sottoposti a chemioterapia, immunoterapia o chemio-immunoterapia per tumori solidi”. Il co-ricercatore Sjoukje Oosting, oncologo medico presso UMCG, presenterà i risultati della ricerca lunedì 20 settembre al “Simposio presidenziale” del Congresso della Società Europea di Oncologia Medica.