QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La variante delta prevale anche nel nostro Paese: “Potremmo vedere questa variante solo entro fine luglio”

“Abbiamo sempre previsto che ci sarà circa il 50 percento delle infezioni con la variante delta nella prima settimana di luglio”, spiega Molenberghs. “Entro la fine del mese, è possibile che vedremo di nuovo solo la variante delta”.

La variante del virus che ha avuto origine in India è più facilmente trasmessa, quindi rimane la domanda se dovremmo essere seriamente preoccupati. “Niente panico, ma dobbiamo preoccuparci, sì. Vediamo gli effetti benefici delle vaccinazioni, che forniscono un’ottima protezione contro la variante delta – un colpo di fortuna, per così dire – ma non dobbiamo dimenticare che i due terzi dei la popolazione non è ancora completamente vaccinata. C’è ancora Molte persone con condizioni di base hanno avuto solo un’iniezione e quindi non sono completamente protette. Si consiglia vivamente cautela. Sfortunatamente, non siamo ancora arrivati ​​al punto di dire ora: non è più doloroso”.

Quindi Molenberghs aspetterà ancora un po’ con più relax. “Gli ospedali non aumenteranno così tanto, ma i numeri stanno aumentando. Ecco perché dovremmo fare buon uso del tempo che abbiamo davanti al prossimo comitato consultivo per vedere a che punto siamo. Ci penserò sicuramente attentamente”.

READ  Lo standard più rigoroso per l'azoto non ha effetto immediato ...