QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vita marina muore in massa nell’ondata di caldo degli Stati Uniti: “Annunciare le conseguenze del cambiamento climatico”

Il record di calore è stato stabilito dopo che le temperature sono state registrate sulla costa occidentale degli Stati Uniti e del Canada nelle ultime settimane. I ricercatori hanno calcolato la probabilità che si verifichi un’ondata di caldo a fine giugno, concludendo che sarebbe quasi impossibile senza il cambiamento climatico. Ma ora il caldo sta colpendo duramente la vita acquatica. I biologi temono un presagio di ciò che spesso potrebbe fare un clima caldo.

“Questo è come un crollo catastrofico di un edificio, con il bilancio delle vittime che continua a salire e sei felice di trovare sopravvissuti”, ha detto Christopher Harley, un biologo marino dell’Università della British Columbia. Gli animali che vivevano nella zona intertidale, come stelle marine, cozze e ostriche, morirono in massa.

“Stiamo iniziando solo ora a vedere quanti danni hanno fatto i cirripedi, ora che i pezzi dei loro gusci sono stati spazzati via e sembrano morti e vuoti”. Decine di milioni di cirripedi morti giacciono su un tratto di costa di un chilometro da solo su una spiaggia vicino alla città di White Rock, vicino al biologo Harley, dice. È difficile stimare esattamente quanti animali sono morti in questa regione costiera, ma sarebbero miliardi, dice.

Gli animali intertidali, come stelle marine, cozze e ostriche, morirono in massa a causa del caldo.BILD Christopher Harley / UBC

Zalmin

Non è solo la vita marina: ci sono anche serie preoccupazioni per il destino del salmone nei fiumi del West Side americano. Secondo il California Department of Fish and Wildlife, ad esempio, c’è il pericolo reale che la maggior parte degli avannotti di salmone Chinook nel fiume Sacramento non sopravviva all’estate a causa del clima caldo.

Secondo il biologo marino Harley, la causa del crollo costiero è senza dubbio anche il caldo. “Abbiamo misurato temperature più alte che mai sulle rocce in questa parte del mondo”. È notevole che gli animali seduti all’ombra siano ancora vivi. “Questo modello è straordinariamente coerente.”

Si aspetta che molte specie si riprendano entro pochi anni, anche se alcune cozze a riproduzione lenta potrebbero richiedere più tempo. La domanda è cosa significhi il tasso di mortalità di massa per il resto dell’ecosistema, come un filatore, che sverna in una zona e perde molto cibo. “Ma la preoccupazione più grande è che questi tipi di ondate di calore dannose diventeranno così comuni che la specie non si riprenderà mai completamente”.

È un fenomeno a volte così noto che gli organismi marini muoiono di conseguenza, afferma Nicole de Vogde, professoressa con la designazione speciale di ecosistemi marini all’Università di Leiden e affiliata a Naturalis. Anche cozze e ostriche sono morte nei mari olandesi durante le passate ondate di calore.

Gli animali in acque poco profonde sono più sensibili al calore acuto perché l’acqua si riscalda più lentamente a profondità maggiori. “Sicuramente organismi che sono intrappolati e non possono ‘fuggire’, come le cozze”. Inoltre, molti coralli non tollerano bene il calore: i coralli tropicali vivono accanto a microrganismi che convertono la luce solare in cibo, così come le piante. A temperature estremamente elevate, i coralli respingono questi microrganismi, provocandone lo sbiancamento e minacciando la scarsità di cibo. Se le temperature rimangono alte per troppo tempo, vaste aree di corallo potrebbero morire

A proposito, il calore può essere dannoso anche per altri motivi, afferma De Voogd. In questo modo può stimolare la crescita delle alghe. Durante il processo di decomposizione, l’ossigeno viene assorbito, causando un calo così basso della concentrazione di ossigeno nell’acqua che gli animali muoiono.

READ  Il presidente russo Vladimir Putin: Rapporto con United ...