QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La vittima più giovane aveva appena 11 anni: questi ragazzi non cresceranno mai perché hanno sostenuto un futuro migliore in Iran

Il governo iraniano ha concesso “l’autorizzazione assoluta” ai servizi di sicurezza a reprimere le manifestazioni contro il regime “con ogni mezzo possibile”. Ciò significa che non devono più sparare proiettili di gomma, come nei primi giorni delle proteste, ma sono consentite proiettili veri. Non è chiaro esattamente quante persone siano morte. Amnesty International ha ora pubblicato un rapporto che elenca 23 nomi di vittime minori. Sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco o picchiati.

Mohammad Rakhshani (12) Era ancora un bambino ma era con la sua famiglia a una manifestazione a Kawthar quando la polizia ha aperto il fuoco sui manifestanti. Il ragazzo è stato colpito alla testa.

Muhammad Rakhshanik © rr

Jaber Shrouzi (12) È stato colpito alla testa dalle forze di sicurezza il 30 settembre a Sharabad, nella provincia del Belucistan. Secondo testimoni oculari, non ha nemmeno partecipato a una manifestazione.

Omid Sarani (13) È stato colpito al petto a Zahedan mentre camminava in una manifestazione pacifica. Morì poco dopo in ospedale.

Omid Saranik © rr

Ali Barhoui (14) Era uno dei tanti giovani uccisi a colpi di arma da fuoco il 30 settembre durante una manifestazione di massa dopo la preghiera del venerdì a Zahedan. Secondo gli attivisti per i diritti umani, non era per strada ma era ancora nella moschea quando è stato colpito al collo e al torace.

Ali Barhui © rr

Jawad Bouche (11) Potrebbe essere stata la vittima più giovane di sempre. È andato alla preghiera del venerdì con suo padre nella Grande Moschea di Zahedan. Fu una delle tante vittime che vi caddero il 30 settembre. Il ragazzo è stato colpito alla testa e il proiettile è uscito dal suo corpo attraverso la guancia. L’aiuto è stato vano.

Sudis Kishani (14) È stato ucciso a colpi di arma da fuoco fuori dalla Grande Moschea di Zahedan il 30 settembre. Gli hanno sparato alla testa e al cuore.

Muhammad Reza Sarfari (14) È stato picchiato a morte durante una manifestazione a Shahr Rey (Teheran). Il referto dell’autopsia parla di “sanguinamento e rottura del tessuto cerebrale a causa dei gravi colpi”. Una fonte ha detto ad Amnesty International che Mohammad Reza Sarfari è stato colpito alla schiena e poi preso a pugni.

Muhammad Reza Sarfari © rr

Amir Hussein Basateen (15) Ha partecipato alle proteste a Kermanshah quando la polizia è stata uccisa a colpi di arma da fuoco. I dettagli sulle condizioni non sono disponibili.

Amir Hussein Basateen © rr

Zakaria Khayal (16) È stato ucciso a colpi di arma da fuoco durante le proteste il 20 settembre. È stato colpito da diversi proiettili nel suo corpo da due metri di distanza. Mentre è morto dissanguato per strada, è stato trattato duramente. L’autopsia ha rivelato gambe e mani rotte.

Zakaria Khayal © rr

esperto (16) Morì il 21 settembre in Oceania. Secondo Amnesty International, che ha diffuso il rapporto, è stato colpito al cuore da un proiettile della polizia. Le forze di sicurezza iraniane erano solite classificare le morti dei manifestanti come “omicidi rari”, il che è spesso assurdo date le vittime.

conoscenza onesta © rr

Samer Hashemzihi (16) È stato ucciso nella Grande Moschea di Zahedan. Quando la sua famiglia è andata a ritirare la salma del figlio per la sepoltura, la polizia ha espressamente consigliato loro di non rilasciare dichiarazioni e di non sporgere denuncia. Altrimenti, sapranno dove trovarli.

Samer Hashemzihi © rr

Siavash Mahmoudi (16) Stava partecipando a proteste pacifiche a Teheran quando è stato colpito alla testa. Poi sua madre è scesa in piazza per protestare contro la brutalità della polizia. Anche se a lei, come i parenti delle vittime delle brutalità della polizia, i servizi di sicurezza hanno ordinato di tacere sulla morte di suo figlio.

Siava Mahmudic © rr

Pedram Aznoush (16) È stato ucciso il 22 settembre quando le Guardie Rivoluzionarie hanno aperto il fuoco sui manifestanti a Dehdasht, Kohgeluye. Un testimone oculare ha detto ad Amnesty International: “Il ragazzino era appoggiato al muro e stava guardando i manifestanti. Quando la folla si è dispersa e tutti correvano, lui lo ha seguito. Gli hanno sparato alla schiena”.

Pedram Azronush © rr

Yasser Al-Shahouzi (16) Morì anche il 30 settembre nella moschea Zahedan. Durante la repressione delle forze dell’ordine, gli hanno sparato al cuore a distanza ravvicinata ed è morto sul colpo.

Grace Schwagdoost (16) in Oromia. Le forze di sicurezza hanno sparato ai manifestanti lì il 5 ottobre. Schwagdust è stato gravemente ferito ma non ha cercato aiuto per paura di essere arrestato. Alla fine è morto per le ferite riportate.

Nima Schwagdoost © rr

Sarina Ismailzadeh (16) Il 23 settembre ha partecipato a una manifestazione vicino a Gohardasht, nella provincia di Alborz. Secondo Amnesty International, che ha parlato con testimoni oculari sulla scena, è stata picchiata duramente alla testa con manganelli, che l’hanno portata alla morte. La sua morte ha attirato l’attenzione dei media in Iran e in tutto il mondo, suscitando un’ampia indignazione pubblica. Il capo del Dipartimento di Giustizia della provincia di Alborz, Hussein Fadhili, ha descritto la sua morte come un suicidio. Sembrava fosse appena saltata giù dal tetto.

Sarina Ismailzadeh © rr

Nika Shakarami (16) È scomparso dopo aver partecipato a una manifestazione a Teheran il 29 settembre. Nove giorni dopo, la sua famiglia ricevette la triste notizia della sua morte. Secondo Amnesty International, la sua morte è stata il risultato di molteplici ferite “ferite con un oggetto duro”. I suoi genitori volevano rivelare la verità sulla morte della figlia, ma sono stati minacciati e intimiditi. Alla fine si è scoperto che era stata picchiata duramente. Gli zigomi, il naso, i denti e il cranio erano rotti.

Nika Shakarami © rr

Mehdi Mousavi Niko (16) È stato colpito alla schiena durante una manifestazione il 21 settembre a Zanjan. Mentre era ferito a terra, le forze di sicurezza lo hanno colpito alla testa e alla parte superiore del corpo con manganelli. Fu portato in ospedale, ma vi morì.

Mehdi Mousavi Nico © rr

Abdullah Muhammadpour (17) È stato ucciso quando la polizia e le forze paramilitari si sono schierate per sedare le proteste e hanno sparato proiettili veri contro i manifestanti a Palu. Amnesty International ha registrazioni di un amico che urla “Sono stati uccisi dalle forze dell’ordine”.

Omid Svarzie (17) Gli hanno sparato due volte al collo. Ha anche partecipato alle proteste di Sharabad quando le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco sui manifestanti.

Omid Sfarzihi © rr

Amir Mehdi Frukhipour (17) È stata uccisa a colpi di arma da fuoco dalle forze di sicurezza durante le proteste vicino a Keshavarz. Un testimone ha detto che la polizia non ha sparato proiettili di gomma ma ha sparato proiettili veri. Farrukhipour è stato colpito al petto ed è morto sul colpo.

Amir Mehdi Frukhipour © rr

Muhammad Amin Jamshadze (17) È stato colpito al cuore vicino alla moschea principale di Zahedan a fine settembre durante le proteste dopo la preghiera del venerdì. Secondo testimoni oculari, non ha partecipato a una manifestazione ma stava tornando a casa.

Stara tagiko (17), Una ragazza di origini afghane, è stata uccisa il 22 settembre durante le proteste a Teheran. L’autopsia ha rivelato che il suo corpo era gravemente danneggiato. La sua testa è stata fracassata, tra le altre cose, indicando che è stata picchiata duramente dalle forze di sicurezza note per il loro uso della forza bruta.

stella del tagico © rr

Leggi anche. La sanguinosa repressione non ferma la protesta iraniana: sono già stati contati più di 200 morti, ma questa sembra una sottovalutazione

READ  Maggior numero di nuove infezioni nel Regno Unito da febbraio: il relax in Inghilterra è stato rinviato