QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La voce può aiutare a prevenire i tremori nei pazienti di Parkinson

Le onde sonore possono ridurre o eliminare i tremori che colpiscono molte persone con disabilità. Il trattamento è ancora nelle sue fasi iniziali, ma a Nijmegen si sta facendo molto lavoro.

Willem shonen

“Sì, è un trattamento sintomatico, con il quale non possiamo rimuovere la causa della malattia, ma questi sintomi sono così stressanti per i pazienti che possono fornire un sollievo straordinario”, afferma Lennart Verhagen. Verhagen guida un gruppo di ricerca presso il Nijmegen Donders Institute che sta sviluppando nuovi trattamenti per il morbo di Parkinson utilizzando il suono.

Gli ultrasuoni non sono udibili ma possono essere percepiti, soprattutto se le onde sonore sono dirette in una posizione specifica. Verhagen: “In gioventù potresti aver tormentato una formica con una lente d’ingrandimento. Focalizzando la luce su un punto, la temperatura può aumentare notevolmente. Questo è possibile anche con il suono; se le onde sonore sono focalizzate su un punto, forniscono grandi pacchetti di energia abbastanza da uccidere le cellule.

Quindi gli ultrasuoni possono essere utilizzati anche per eseguire operazioni precise nel profondo del cervello. Verhagen dice che questo sta già accadendo. “Gli ultrasuoni ad alta intensità sono una forma di neurochirurgia. L’energia che fornisci è così grande che distruggi pezzi di tessuto, come farebbe un chirurgo con un bisturi”.

blocco morbido

Il grande vantaggio di questa neurochirurgia è che non devi perforare il cervello; Puoi dirigere il suono dall’esterno al posto giusto. Un’alternativa è la neurochirurgia, che inserisce elettrodi nel cervello per manipolare l’elettricità. Questo è un metodo invasivo e presenta effetti collaterali e rischi, ma il vantaggio è che il cerotto è flessibile e può essere interrotto se necessario.

La neurochirurgia invasiva viene utilizzata nei Paesi Bassi per tutti i tipi di disturbi del movimento, compreso il tremore nei pazienti con morbo di Parkinson. L’ecografia ad alta intensità è attualmente utilizzata negli studi clinici su varie forme di cancro, ma non è stata ancora approvata nei Paesi Bassi per il trattamento del morbo di Parkinson. Pertanto, i pazienti devono andare negli Stati Uniti, qualunque cosa facciano, spesso con un rimborso dalla loro compagnia di assicurazione sanitaria.

Verhagen afferma che è solo questione di tempo prima che la terapia ad ultrasuoni ad alta intensità diventi disponibile per questi pazienti nei Paesi Bassi. Ma questa è ancora neurochirurgia. Una minoranza di PwP idonee. Quello che vogliamo sviluppare è un trattamento più leggero, non invasivo e reversibile, con il quale possiamo aiutare grandi gruppi di persone con disabilità. ”

Come funziona esattamente è ancora un mistero

L’idea non è quella di utilizzare ultrasuoni ad alta intensità, ma ultrasuoni a bassa intensità. Quindi non hai a che fare con la neurochirurgia ma con la neuromodulazione. Verhagen: “Con il suono ad alta intensità riscaldi le cellule cerebrali fino a quando non si rompono. Ma il suono a bassa intensità dà una spinta alle tue cellule cerebrali. Non è il calore, ma lo stress meccanico, che fa sì che queste cellule si comportino in modo diverso”.

Come funziona esattamente è ancora un mistero – Verhagen spera di scoprirlo un giorno – ma alcune cellule cerebrali sono note per essere sensibili allo stress meccanico. Se alle cellule cerebrali di destra viene dato il giusto impulso, il tremore, ad esempio il tremore della mano, diminuirà o addirittura scomparirà. Almeno questa è l’idea alla base di questa ricerca.

Se ti fermi con questo impulso, il tremore tornerà dopo un po’. Ma i ricercatori sperano che i cervelli trattati si adattino in questo modo. Il cervello è di plastica e, se spinto nella giusta direzione qui, può fornire un sollievo duraturo. In linea di principio.

La sfida è capire esattamente che tipo di spinta dovrebbe essere, dice Verhagen: “Se vuoi distruggere chirurgicamente le cellule cerebrali con gli ultrasuoni, scoprirai almeno quanta potenza devi dare e andrai oltre modificando il tuo attrezzatura. Ma la spinta di cui abbiamo bisogno potrebbe essere sottile o un grande passo. Non lo sappiamo ancora esattamente”.

‘Non stiamo cercando quella spilla perfetta’

Con il sostegno dei finanziatori della ricerca olandesi ed europei (NWO e il Consiglio europeo della ricerca), Nijmegen otterrà risultati ancora migliori negli anni a venire. Il numero di possibilità è infinito, letteralmente. Gli ultrasuoni non vengono eseguiti continuamente, ma a impulsi. E puoi modellarlo in tutti i modi. Puoi produrre onde sonore a mille battiti al secondo, ma anche a cinque. Puoi inviare un suono al cervello per dieci secondi o dieci minuti, due volte a settimana o tre volte al giorno.

È come cercare un ago in un pagliaio.

Verhagen: “Lo è. Ma non stiamo cercando quella spilla perfetta. Stiamo cercando una spilla che soddisfi i requisiti e funzioni bene con un numero sufficiente di pazienti. E non partiamo da zero. Sappiamo già più o meno cosa funziona e cosa non deriva dai test sugli animali. Bonus Su questo, non siamo gli unici al mondo a lavorare su questo. ”

Verhagen sta guidando una collaborazione tra laboratori accademici e aziende di tutto il mondo per sviluppare ultrasuoni a bassa intensità per la neuromodulazione. Il gruppo è stato fondato all’inizio della crisi del Corona e si riunisce ancora mensilmente online e una volta all’anno di persona in una conferenza. L’obiettivo, afferma Verhagen, è condividere le conoscenze e rendere pubblici e accessibili a tutti i protocolli di successo (batch!).

Non c’è niente di sbagliato nel benefico effetto placebo

Ci fu un momento di gioia al gruppo di ricerca di Verhagen. Uno dei protocolli testati per l’inibizione del tremore sembra funzionare alla grande. fino a quando non vengono effettuate misurazioni di controllo accurate; Quindi si è scoperto che l’effetto piacevole sui brividi misurati non è un ultrasuono, ma un effetto collaterale.

Verhagen: “Hai sempre effetti collaterali. Non per quello che stai facendo, ma perché stai facendo qualcosa. Proprio come l’effetto placebo con i farmaci”. Ora non c’è niente di sbagliato nel benefico effetto placebo, ma per i ricercatori di Nijmegen significa: tornare al tavolo da disegno, alla ricerca di un protocollo di maggiore impatto.

La neuromodulazione è ora considerata per ridurre il tremore perché fornisce sollievo a un paziente di Parkinson, dice Verhagen, e perché puoi immediatamente capire se quello che stai facendo sta avendo un effetto. Ma non dovrebbe fermarsi qui. In linea di principio, gli ultrasuoni a bassa intensità possono essere utilizzati anche per ridurre l’ansia o la depressione. Quindi devi inviare il suono ad altre parti del cervello, ma puoi. Si sta lavorando anche a Nijmegen.

E ora alla causa del morbo di Parkinson?

Il morbo di Parkinson è una malattia in cui le cellule nervose che producono dopamina muoiono gradualmente. La dopamina è un importante messaggero nel cervello. La carenza di dopamina porta a disturbi del movimento e del comportamento. Invertire questo processo degenerativo è difficile, se non impossibile, afferma il ricercatore Lennart Verhagen: “Quando i sintomi del morbo di Parkinson diventano visibili, molti di quei neuroni produttori di dopamina sono già rotti”.

Ripristinare quei neuroni con il suono ultrasonico di Verhagen è fuori questione. “Ma possiamo fare qualcos’altro”, dice Verhagen. “Sono necessari farmaci per ripristinare la dopamina. Ma questo farmaco ha difficoltà ad attraversare la barriera ematoencefalica (la barriera di sicurezza che impedisce a qualsiasi cosa di entrare nel cervello con la circolazione, ndr). Usando gli ultrasuoni, puoi aprire temporaneamente questa barriera in alcuni punti Specifico per consentire il passaggio del farmaco. La ricerca è già in corso, anche all’UMC di Utrecht, per migliorare l’effetto della chemioterapia sui tumori cerebrali. Potresti anche svilupparlo per il morbo di Parkinson”.

Leggi anche:

La sofferenza nascosta di un malato di Parkinson

Oltre al tremore e alla lentezza nei movimenti, molti malati di Parkinson hanno problemi psicologici come allucinazioni, apatia, ansia e depressione. I neurologi hanno occhio molto piccolo Prima.

READ  "In Omicron vengono vaccinati anche i bambini dai cinque agli undici anni"