QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La voglia di viaggiare ha svolto un ruolo importante nella diffusione della malaria

La voglia di viaggiare ha svolto un ruolo importante nella diffusione della malaria

La colonizzazione, il commercio e altri movimenti umani hanno permesso alla malaria di diffondersi in tutto il mondo. Ciò è evidente da approfondite ricerche archeologiche e genetiche.

La malaria è una delle malattie infettive più pericolose al mondo. Si stima che ogni anno 250 milioni di persone contraggano la malaria e di queste 600.000 muoiano. Questa malattia esiste da migliaia di anni ed è causata da parassiti che entrano nel corpo attraverso la puntura di una zanzara infetta.

Oggigiorno la malaria si manifesta soprattutto nelle regioni tropicali e subtropicali, ma non è sempre stato così. Un secolo fa, l’area di distribuzione della malaria si estendeva al Canada meridionale, alla Scandinavia e persino alla Siberia. Solo mezzo secolo fa la malaria fu debellata in Europa.

Leggi anche

I tumori al cervello possono essere trattati meglio utilizzando tecniche che aprono la barriera emato-encefalica

Il neuro-oncologo Tom Snyders è specializzato nel cancro al cervello, dove l’aspettativa di vita è spesso limitata. È coinvolto…

Ora uno studio su larga scala, che ha coinvolto scienziati di 21 paesi diversi, mostra come la malaria avrebbe potuto diffondersi in tutto il mondo in passato. I risultati sono apparsi sul Journal of Commerce natura.

Rapporto di malattia

“Ciò che sapevamo in precedenza sulla diffusione della malaria proveniva in parte dallo studio di testi antichi, che descrivevano, ad esempio, l’andamento della febbre che caratterizza la malaria”, afferma il genetista e biologo evoluzionista. Megan MichelleDall’Istituto Max Planck per l’antropologia evolutiva in Germania. “Il problema era che non potevamo andare oltre i resoconti scritti, quindi non sapevamo nulla della diffusione della malaria nelle aree senza scrivere.

Negli ultimi anni è diventato possibile ricostruire i genomi – le informazioni genetiche – di agenti patogeni come i parassiti della malaria da ossa antiche. Sotto la guida di Michel, un folto gruppo internazionale di ricercatori ha analizzato dati archeologici e genetici, alla ricerca di individui che potrebbero essere stati infettati dalla malaria. Utilizzando 36 casi confermati di malaria, sono stati in grado di mappare la malattia nell’arco di 5.500 anni e in cinque continenti.

“Abbiamo esaminato i genomi di due tipi di parassiti della malaria che sono più comuni oggi, e forse anche in passato: Plasmodium vivax e Plasmodium falciparum”, afferma Michel. Il Plasmodium falciparum provoca il maggior numero di morti e si verifica principalmente a temperature tropicali. Il Plasmodium vivax può sopravvivere anche nei climi freddi. Quindi abbiamo trovato questo anche nelle persone che vivevano in Europa circa 5.000 anni fa.

La malaria in America

“Uno dei risultati più importanti dello studio è la prevalenza della malaria nell’America settentrionale, centrale e meridionale”, afferma Michel. “C’è stato un dibattito all’interno della scienza su come i due tipi più comuni di malaria, entrambi probabilmente originari dell’Africa, siano arrivati ​​lì”.

Michel e i suoi colleghi hanno dimostrato che P. vivax potrebbe essere arrivato durante la colonizzazione europea. Lo hanno dedotto da resti umani ben conservati nel sito archeologico di Laguna de los Condor, nell’attuale Perù. Il genoma ricostruito del parassita ritrovato è molto simile al genoma dei parassiti della malaria allora presenti in Europa.

“Penso che anche il Plasmodium falciparum abbia una storia interessante”, continua Michel. “Vediamo che le varianti che si verificano ora in America sono più simili alle attuali varianti africane piuttosto che a quelle europee. Ciò suggerisce che queste varianti siano arrivate in America attraverso la tratta transatlantica degli schiavi”.

Alto e secco

Il caso più sorprendente di malaria riscontrato dai ricercatori riguarda quello di un malato morto intorno all’800 aC ad un’altitudine di 2.800 metri sul livello del mare. Viveva in una regione dell’Himalaya ora conosciuta come Nepal. Michelle: Quando abbiamo trovato questa persona, inizialmente abbiamo pensato che fosse stato commesso un errore. Questa zona è troppo fredda e secca perché il parassita possa sopravvivere. È uno degli ultimi posti in cui ci si aspetterebbe che si diffondesse una malattia tropicale come la malaria.

Attraverso conversazioni con gli archeologi locali, il gruppo di ricerca ha appreso che tra i resti umani erano stati trovati anche oggetti che sembravano provenire da una regione dell’Asia meridionale dove ora si trova l’India. “Pensiamo che questa persona si sia recata in questa zona meno colpita, ad esempio per scopi commerciali, lì abbia contratto la malaria e poi sia tornata”, dice Michel.

Voglia di viaggiare

Michel afferma che questi risultati mostrano che l’amore delle persone per il vagabondare – per colonizzazione, commercio o altri motivi – è stato importante per la diffusione della malaria in passato. Ad esempio, i ricercatori hanno anche trovato prove che la malaria potrebbe essere arrivata in Belgio con i soldati arruolati dal Mediterraneo intorno al XVI secolo.

Michel spera che questi risultati siano solo l’inizio. È importante sapere dove si è verificata questa malattia in passato, perché in futuro potremmo doverla affrontare nuovamente, in parte a causa del clima in rapido cambiamento. Spero anche che impareremo di più su come i genomi dei parassiti cambiano nel tempo. Forse potremo allora comprendere meglio come si è evoluto nell’agente patogeno virulento che è oggi, che rimane un rischio per la salute in molte parti del mondo. Questo può aiutarci a combattere le malattie.

READ  Questa polvere per la protezione solare mantiene la pelle e l'attaccatura dei capelli protette