QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Voyager 1 scopre il “rumore” nello spazio interstellare

La sonda spaziale Voyager 1 è stata lanciata 44 anni fa ed è ora il più lontano oggetto di fabbricazione umana nell’universo, e attualmente sta volando attraverso lo spazio interstellare e ha rilevato un “rumore continuo” lì.

Voyager 1 è stato lanciato nel 1977 da NASA Ed è stato progettato per cinque anni. Ma nel 2012, la sonda ha raggiunto il limite del nostro sistema solare e ora sta volando attraverso Spazio interstellareI suoi strumenti raccolgono e trasmettono ancora dati.

Questi dispositivi hanno rivelato un continuo ronzio di gas interstellare, a circa 22,7 miliardi di chilometri dalla Terra, secondo gli scienziati della Cornell University. I risultati sono apparsi sulla rivista scientifica Astronomia naturale.

Debole e monotono

“Il suono è così debole e monotono perché è in una banda di frequenza stretta”, ha detto Stella Koch-Auker, una studentessa di dottorato in astronomia alla Cornell University che ha scoperto la rinascita. “Stiamo monitorando il debole, continuo ronzio del gas interstellare”.

Il suono è fondamentalmente il rumore di fondo che si trova nel vasto spazio intergalattico. Dopo che la Voyager 1 ha raggiunto lo spazio interstellare, il sistema di onde al plasma della sonda ha rilevato perturbazioni nel gas causate dal nostro sole. Tra quelle esplosioni, Oker scoprì il rumore.

Onde di plasma continue (Hum Interstellar Gas, ed.) Che abbiamo appena scoperto è troppo debole per sentire con l’orecchio umano “, dice Auker.” Se potessimo sentirlo, suonerebbe come una nota continua, suonando continuamente ma cambiando molto poco nel tempo “.

Gli scienziati sperano di utilizzare questa scoperta per capire meglio come il mezzo interstellare (tutta la materia e l’energia tra le stelle nella galassia) interagisce con i confini del sistema solare, l’eliosfera. (MAh)

READ  I laptop LG Gram arriveranno nei Paesi Bassi questo mese

Leggi anche: Perché il viaggio interstellare non è un’opzione