QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’AA Gent uscirà contro l’Anderlecht? ‘Non dovrebbe essere svegliato di soprassalto’ | Jupiler Pro League

Con 7 su 21, KAA Gent ha mancato di ricominciare la competizione. Dopo il 6-1 contro il Club Brugge, il treno sembrava essere partito, ma poi Hein Vanheisbrück ha segnato lo zero per 6. Domani giocheranno una partita contro l’Anderlecht che non dovrebbero perdere.

“Un giorno ci sarà una ripresa”

7 punti è il magro raccolto di un Gent AA in competizione al momento. Tuttavia, Hein Vanhaezebrouck crede che la sua squadra si sia comportata meglio di quanto suggerirebbe il 16° posto in classifica. “Sono un po’ stanco del risultato, soprattutto dopo le partite che abbiamo giocato”, ha detto l’allenatore un giorno prima della riunione dell’Anderlecht.

“Abbiamo avuto tante occasioni per ottenere più punti. C’è un solo modo: continuare a lavorare e cercare di fare qualcosa in più: tutti individualmente, ma anche come dipendenti. Dobbiamo uscirne: è chiaro”.

“Ma, ripeto: domenica prossima giocheremo la nostra sedicesima partita della stagione. Gli altri giocatori del nostro campionato sono poco più della metà di quel numero. Questo è anche un motivo per il nostro punteggio totale, ovviamente. Ci sono stati molti piccoli problemi medici dovuti alle partite che si susseguono”.

“Ci mancano anche alcune persone importanti nello stesso settore”, cita Vanheisbrück come motivo della partenza inferiore della sua squadra.

“Hjulsager e Odjidja si sono ritirati contemporaneamente. Ma anche questo è calcio, dobbiamo superare questo momento. Un giorno le cose andranno meglio e faremo tornare le persone. Sono convinto che usciremo da questa valle .”

Domenica prossima giocheremo la nostra sedicesima partita della stagione. Gli altri giocatori del nostro campionato sono poco più della metà.

Heine Vanheisbruck

“Ora sta diventando sempre più importante”

Non si tratta di qualità? “Possiamo fare meglio in modo offensivo”, dice Vanheysbroek. “La qualità c’è sicuramente, ma non sempre la dimostriamo. Dobbiamo essere più efficienti e finire meglio. Se lo facessimo, potremmo avere cinque o sei punti in più”.

“Ma va bene, questa è una lezione. Siamo stati molto efficaci contro il Club Brugge, ma le partite successive sono finite di nuovo. Spero che i miei giocatori lo capiranno di nuovo”.

Domani l’AA Gent giocherà una partita di riscatto ad Anderlecht. Un fiammifero con un coltello alla gola? “Sì, ma a Kortrijk è già così”, si rende conto Vanheysbroek. “Abbiamo anche dovuto vincere quella partita per garantire la connessione, ma non l’abbiamo fatto dopo”.

“Adesso sta diventando sempre più importante. L’Anderlecht ha fatto tanti punti nelle ultime partite. Forse hanno avuto dei brutti momenti, ma sono stati bene o hanno cambiato le cose. Se perdiamo domani, il distacco sarà pericoloso. Si può” t basta collegare nove punti” .

E la pressione del piatto? “È nostro obiettivo e nostra responsabilità eliminare questa volatilità dal team. Non credo che Michelle Loage debba dircelo per rendersene conto. Sappiamo molto bene su cosa dobbiamo lavorare. Il suo compito è essere critici. Ma da sveglio non dovrebbe scuoterci”.

Il nostro obiettivo e la nostra responsabilità è di eliminare questa volatilità dal team. Non credo che Michelle Loage debba dircelo perché lui se ne renda conto.

Heine Vanheisbruck

Che cos’è il “possesso controllato”?

Vanheysbroek è tornato sul palco del VAR a Kortrijk. Un gol dell’AA Gent è stato annullato per fuorigioco all’inizio dell’attacco. Secondo il giuramento, non si trattava di “possesso controllato” del KV Kortrijk.

“Cos’è la possessione controllata?” chiede Vanheisbroek. Dare un passaggio, calciare la palla fuori sembra essere sufficiente. Ma ovviamente un giocatore che la prende e poi si tuffa per prendere il vantaggio non lo è”.

“Mi dà solo fastidio che vada contro il calcio moderno. Devi lasciare che l’avversario giochi per passare a una nuova fase. Il calcio moderno si “attrezzerà” e riprenderà la palla molto rapidamente. Quindi, se lo fai bene come un squadra se lo fai passi dieci minuti a una singola fase di gioco, per così dire”.

“Questo va contro il calcio moderno. Le persone che hanno introdotto queste regole non capiscono cosa significhi il calcio moderno”.

READ  Suonano i campanelli d'allarme a Dimitri van den Berg: il dottore belga ...