QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’agenzia di rating Scope vede poco spazio per cambiamenti improvvisi dopo il voto dell’Italia

Il gruppo conservatore italiano dei fratelli di estrema destra di Giorgia Meloni, la Liga di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi, sembra destinato a ottenere la maggioranza parlamentare nel voto del 25 settembre. Le elezioni possono essere attuate.

Tuttavia, Scope Ratings afferma che è probabile che l’Italia rimanga sulla strada delle riforme, uno scenario che supporta il suo rating “BBB+” con un outlook “stabile” per l’Italia.

“Riteniamo che le restrizioni imposte all’ascesa al potere di un governo italiano ridurranno notevolmente il suo margine di manovra, determinando così in definitiva un numero limitato di opzioni di politica economica”, afferma l’agenzia di rating nel rapporto.

Si teme che un nuovo governo si allontani da alcune delle riforme necessarie per garantire che l’Italia riceva circa 200 miliardi di euro (199 miliardi di dollari) in finanziamenti dell’UE per un piano di ripresa e ripresa post-Covid.

Il manifesto della coalizione di destra prometteva significativi tagli alle tasse, prepensionamento e amnistia per le controversie fiscali pendenti, difficili da attuare in un Paese dove quest’anno il debito pubblico è pari al 147% del PIL.

“Una coalizione di estrema destra che può attuare la sua agenda politica per anni, anche se i partiti raggiungono la maggioranza parlamentare, non è evidente, date le significative differenze politiche in molte aree e la rivalità tra i loro leader”, ha aggiunto Schoep.

L’agenzia di rating ha citato i controlli ei contrappesi dell’Italia e il disaccordo pubblico con le preferenze di alcune parti come possibili ostacoli.

“I rischi che l’Italia ritarderà o invertirà le sue riforme e una politica di bilancio prudente nei prossimi 12-18 mesi sono gestibili”, ha affermato Schoep.

READ  L'Italia dovrebbe assistere al 're' turco Purak Yalmas nella gara di apertura del Campionato Europeo.

Secondo Scope, il debito pubblico italiano sarà del 145%-150% del PIL nei prossimi anni, con un fabbisogno totale di debito del 25%-30% del PIL.

“Con il PIL (rendimento a 10 anni) già intorno al 4%, lo spazio fiscale per il prossimo governo italiano è molto limitato o inesistente a causa delle deboli prospettive di crescita a medio termine del Paese”, ha aggiunto l’agenzia. .