QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’alto debito pubblico italiano rende impensabile una nuova crisi dell’euro, dicono gli esperti: “L’Italia è vulnerabile”

Nonostante gli sforzi per cambiare questo, l’Italia ha avuto un enorme debito pubblico dagli anni ’80. Gli italiani non se ne preoccupano, mentre la situazione potrebbe portare a una nuova crisi dell’euro, pensano gli esperti.

“L’italiano medio non è esattamente sveglio”, spiega l’esperta italiana Eveline Rethmayer a proposito del debito pubblico.

Debito pubblico Italia

Più del 22 per cento del debito totale nell’eurozona è italiano, secondo Bert Kolig, economista dell’eurozona presso ING. “Questo è un po’ sproporzionato.”

“L’Italia è sicuramente un grande Paese dell’Eurozona e la terza economia più grande. Ma l’economia è solo il 14 per cento del totale”. Il debito del 22% dell’Italia nella zona euro supera la quota dell’Italia nell’UE.

Vedere

L’Italia lotta con la crescita economica

Colijn afferma che, contrariamente a quanto si pensa, l’Italia ha continuato a registrare eccedenze di bilancio negli ultimi anni. Tuttavia, il debito pubblico non sembra diminuire.

“La crescita economica in Italia è stata problematica dall’inizio dell’eurozona. Il debito pubblico è sempre stato misurato come percentuale del totale dell’economia, quindi ridurlo si è rivelato molto difficile”. Con la crescita dell’economia, il debito pubblico diminuisce relativamente. Ma in Italia non succede.

Il buon comportamento non viene premiato

Secondo Colijn, l’Italia mantiene le eccedenze di bilancio in modo più ordinato rispetto, ad esempio, ai Paesi Bassi. Ciò significa, tra le altre cose, che hanno più soldi rimasti di quanti ne spendono.

Ma ciò non ha portato a una riduzione del debito pubblico poiché l’economia non è cresciuta. “Al contrario, vediamo un forte aumento del debito nazionale durante i tempi della corona”, afferma Kolijn.

READ  Come fare bellissimi selfie con il telefono?

Vedere

La nuova crisi dell’euro

Secondo l’esperta italiana Eveline Rethmeier, l’italiano medio non è preoccupato per il debito pubblico, ma lo stesso non si può dire per il resto d’Europa. Paragona la situazione attuale al 2011, quando i mercati finanziari erano in terribili turbolenze e gli investitori ritiravano in massa i loro soldi dall’Italia.

“Fu allora che Berlusconi era lì, ed era stato esortato a dimettersi da altri leader europei”.

Una situazione incerta

Secondo lui, la situazione nel Paese è incerta. “L’Italia è vulnerabile. Se ora c’è instabilità politica, o se c’è un governo che non segue troppo le regole europee, ci sono buone probabilità che il mercato reagisca di nuovo violentemente. Allora potremmo entrare in una nuova crisi dell’euro. “

L’Italia potrà tornare alle urne a fine settembre. Ma secondo Rethmeier, la fiducia tra gli italiani che un nuovo governo ridurrà il debito pubblico è erosa dalla caduta del precedente governo.

Vedere

Un periodo transitorio

“Mario Draghi era il primo ministro ovviamente”, spiega. “Lo conosciamo anche come l’ex presidente della Banca centrale europea. Era noto per essere molto concentrato sui numeri. Ha sempre detto che avrebbe ridotto il debito nazionale”.

Attualmente, i partiti di destra in particolare sono in cima ai sondaggi di opinione e hanno già affermato di non ritenere che le rigide regole di Bruxelles siano così importanti. “Ci si aspetta che i mercati reagiscano a questo e l’Italia dovrà affrontare un periodo volatile”.

Gli esperti dicono su EenVandaag del debito pubblico italiano