QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’ambasciatore afghano, licenziato dai talebani, ha rivendicato la carica di ambasciatore in Italia

Da quando i talebani sono saliti al potere, molti diplomatici non hanno saputo da che parte stare. © rr

La polizia della capitale italiana, Roma, è stata convocata in questa settimana per uno sciopero all’ambasciata afghana. Il diplomatico, licenziato per aver affermato di essere ambasciatore, ha aggredito l’attuale ambasciatore. Questo è stato chiesto alla delegazione afgana.

Prova: belga

Secondo l’ambasciata afghana, l’attentatore era un diplomatico nominato dal precedente governo, ma è stato licenziato. Ora è tornato all’ambasciata e ha detto che i talebani lo hanno nominato nuovo ambasciatore.

“Ha attaccato l’ambasciatore in presenza del personale dell’ambasciata. L’ambasciatore si è difeso e ha chiamato la polizia italiana”.

Molte ambasciate afgane si trovano attualmente in una situazione molto precaria. I dipendenti sono fedeli al governo filo-occidentale che è stato rovesciato dai talebani ad agosto. Il nuovo regime non ha nominato nuovi ambasciatori.

Il rapporto si riferiva al diplomatico deposto come Mohammed Fahim Kashab. È stato licenziato per “mancanza di impegno nei confronti dei valori e dei valori nazionali della Repubblica islamica dell’Afghanistan”. Quest’ultimo termine si riferisce al nome ufficiale utilizzato dal governo precedente. I talebani chiamano il Paese l’Emirato Islamico dell’Afghanistan.

Fonti diplomatiche hanno poi confermato che Kashab si era unito ai talebani.

La Roma vuole confermare che presso l’ambasciata di polizia è avvenuto un intervento di “disaccordo”.

READ  L'Italia è obbligata a vaccinare gli operatori sanitari contro il virus corona