QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L'Anderlecht paga cifre esorbitanti contro il Racing Genk per riconquistare il primo posto

L'Anderlecht paga cifre esorbitanti contro il Racing Genk per riconquistare il primo posto

Anderlecht

KRC Genk

  1. 42' – Giallo – Thomas Delaney
  2. 44' – Gol – Jari Verschauren (1 – 0)
  3. 45+2' – Giallo – Majeed Sadiq
  1. 21:52 – Continua. Jari Verschauren di Francis Amuzu
  2. 56' – Giallo – Bilal Al-Khanous
  3. 68' – Continua. Andy Zekeri di Christopher Bah
  4. 69' – Continua. Majeed Sadiq di Aliu Vadera
  5. 70' – Gol – Kasper Dolberg (2 – 0)
  6. 73' – Continua. Mario Struykens di Theo Leoni
  7. 75' – Gol – Toulwalas Emmanuel Arukudar (2 – 1)
  8. 80' – Continua. Casper Dolberg di Luis Vasquez
  9. 87' – Continua. Patrick Hrosowski di Anwar Ait El Hajj
  10. 90+2' – Continua. Anders Dreyer di Nelson Angulo

Jupiler Pro League – Turno 8 – 24/05/24 – 20:47

tempo icona giocatore tempo a casa com com un risultato lontanoGiocatore viaIcon awayTime

44'

Jari Vershaeren

44'

Jari Vershaeren

1 – 0

70'

Kasper Dolberg

70'

Kasper Dolberg

2 – 0

75'

Tolwalas Emmanuel Arokodari

2 – 1

Tolwalas Emmanuel Arokodari

75'

Anche l'Anderlecht ha vinto la sua quarta partita casalinga nelle qualificazioni alla Champions League, ma ha sofferto molto contro il Racing Genk, soprattutto nella fase finale. Tolu Arokodare ha riportato in partita gli ospiti a quindici minuti dalla fine, e la squadra di casa ha poi raggiunto il fischio finale. Grazie ad una combattuta vittoria per 2-1, l'Anderlecht è tornato al primo posto, con le inseguitrici Club Brugge e Union che si sono affrontate solo lunedì sera.

Anderlecht-Racing Genk in breve:

  • Momento chiave: A venti minuti dalla fine Kasper Dolberg dimostra quanto è bravo. Dopo aver controllato bene il petto all'interno dell'area, ha posizionato la palla esattamente davanti alla sua destra e ha lasciato Vandevoordt stordito. Alla fine un gol fantastico ha regalato all'Anderlecht i tre punti.
  • Uomo partita: Jari Verscheren è stato inserito nella formazione titolare da Brian Rimmer e questa si è rivelata una mossa d'oro. Il prodotto Neerpede ha fatto la differenza poco prima dell'intervallo con un brillante cross. Il suo primo gol stagionale e che gol è stato.
  • distinto: Quattro di fila. Nel loro Lotto Park, i Biancoviola non hanno commesso errori nella qualificazione ai Campioni. Ha sfruttato appieno contro Anversa, Union, Cercle Brugge e Racing Genk. Continuerà questa serie di vittorie contro il Club Brugge?
READ  Mont Ventoux, l'amante delle vacanze di Tiesj Benoot: 'Il vento determina quanto sia terribile' | Viaggio

Verschaeren rompe l'incantesimo usando un flash di classe

Tre partite casalinghe hanno portato l'Anderlecht allo stesso numero di vittorie nelle qualificazioni alla Champions League. Per mettere pressione al Club Brugge e all'Union, i biancoviola hanno dovuto giocare quattro partite consecutive.

In un inizio di partita cauto, l'Anderlecht ha rappresentato la minaccia più grande, ma non è diventato veramente pericoloso. Dolberg decide su Vandevoordt da posizione angolata, Sardella insacca di testa da posizione ravvicinata e il tiro di Delaney finisce di poco a lato.

KRC Genk ha gradualmente riacquistato il suo equilibrio. Ma Al-Wahidi ha tirato una palla debole tra i pali. D'altra parte, Delaney si è completamente perso sul secondo palo dopo un cross di Dreyer, ma il danese ha dimostrato di non essere un attaccante e ha tirato verso Sadiq da distanza ravvicinata.

Poco prima dell'intervallo l'Anderlecht segna grazie ad una brillante parata di Verschaeren. Ha ringraziato Remer per il suo posto da titolare con un brillante calcio sul cross, che Vandevoordt non è riuscito a raggiungere.

L'Anderlecht vede le stelle al termine di una partita tesa

“Siamo di fronte a un gran nulla. Anche il secondo tempo è a un livello discutibile”. L'analisi del commentatore radiofonico Peter Vandenempt a metà ripresa ha centrato il punto, ma sembra che anche l'Anderlecht lo abbia sentito.

Dopo aver scambiato palla con Dreyer, Stroeykens manda all'improvviso una splendida palla piazzata, ma la traversa impedisce ai Biancoviola di realizzare il 2-0.

Dopo pochi minuti arrivò di nuovo il momento. Dopo l'eccellenza di Verschaeren, tocca ora a Dolberg mettere in mostra il suo talento. Controllando bene il petto, posizionando con calma la palla alla sua destra e concludendo in modo controllato. Jewel E all'improvviso l'Anderlecht si ritrovò a sedere.

Così sembrava, finché il Genk non è tornato improvvisamente in partita cinque minuti dopo. Sardella e Debast interpretano male un cross di El Wehdati che subisce una leggera deviazione e Tolo infila la palla da distanza ravvicinata.

READ  L'azionista principale KV Oostende si rammarica della "disinformazione": "Sono sempre stato costruttivo"

All'improvviso il Genk crede di nuovo nelle proprie possibilità, mentre la tensione si insinua nella squadra dell'Anderlecht. Viola e Bianco non riuscivano più a uscire dal pugno, affondavano o affondavano.

Il pareggio era nell'aria ma l'Anderlecht si salva. Si riprende il vantaggio e mette sotto pressione il Club Brugge e l'Union, che lunedì si guarderanno negli occhi.

Imparentato:

Feedback dal campo di Genk:

  • Domenico Olivieri (allenatore del Racing Genk): “Il risultato è deludente. Ma quando guardo la mentalità, l'impegno e la qualità, sono completamente soddisfatto. Nel primo tempo abbiamo avuto occasioni migliori e non abbiamo avuto problemi. È appena arrivato il passaggio giusto e non è uscito.” “Negli ultimi 15 minuti abbiamo giocato quasi costantemente negli ultimi 20 metri e loro dovevano scendere bene nella propria area di rigore e questo non è successo”.
  • Patrick Hrosowski: “Fa male, perché abbiamo giocato una partita forte. Alla fine abbiamo creato più occasioni, ma abbiamo perso. Abbiamo continuato così nel secondo tempo, ma non siamo riusciti a segnare. Il gol è ancora chiaro, vogliamo finire quarti. ” E procurati un biglietto europeo”.
  • Bilal Al-Khanous: “Non abbiamo giocato una brutta partita. Abbiamo giocato con coraggio. Abbiamo creato occasioni, ma avremmo dovuto essere più efficienti. Questi sono tempi difficili per tutti. Per noi, per i tifosi e per tutti all'interno del club. Lotteremo per questo .” Più punti possibili”.
  • Zakaria Al-Wahdi: “È molto difficile, se si vede il tipo di calcio che abbiamo giocato. Abbiamo sicuramente meritato un punto. Gli ultimi 15 minuti trascorsi seduti nell'area di rigore dell'Anderlecht sono sufficienti. Abbiamo dimostrato di avere molte qualità. Come squadra . Purtroppo non ha funzionato ancora una volta, dobbiamo ora mantenere la nostra forza mentale.”

Fase dopo fase

FINE

Ci sono voluti sangue, sudore e lacrime, ma l'Anderlecht ha vinto anche la quarta partita casalinga nelle qualificazioni alla Champions League. I biancoviola tornano in vantaggio e mettono pressione su Club Brugge e Union, che si affronteranno lunedì sera. Dolberg sembrava aver deciso la partita a venti minuti dalla fine, ma il sorprendente pareggio di Tolo ha regalato all'Anderlecht un finale particolarmente nervoso.

READ  ''Rischia di indebolire la squadra'' - L'analista tedesco non ritiene saggio che Kim Huebrichs partecipi ai Mondiali di freccette

Al-Hajj a lato della rete

Al-Hajj fa tremare nuovamente i tifosi dell'Anderlecht con un movimento all'interno dell'area di rigore. Per il sollievo dei tifosi della squadra di casa, ha terminato la palla con un potente calcio nell'esterno della rete.

Sardella soffre di perdere palla in modo goffo e quindi è assente dalla difesa durante la rapida transizione del Genk. Debast salva l'Anderlecht e lancia la palla davanti a Vadera.

Rimmer porta un altro nuovo potere nella battaglia con Angulo. Prende il posto di Dreyer.

5 minuti aggiuntivi

La palla viene lanciata alla cieca in avanti all'Anderlecht e il Genk recupera rapidamente la palla. I biancoviola dovranno sudare ancora cinque minuti.

Verranno aggiunti altri 5 minuti.

L'Anderlecht ora difende collettivamente per mantenere questa vittoria.

Peter Vandenemppt su Radio 1

L'Anderlecht rifiuta

El-Hajj può tirare da distanza ravvicinata dopo un passaggio di Vadera. Il suo tiro deviato ha portato a un altro calcio d'angolo per il Genk. È un lavandino o un lavandino per la squadra di casa.

Hrosowski spara alto, dando all'Anderlecht il tempo di riprendere fiato. Fu immediatamente convocato per Hajj.

L'Anderlecht non riesce a liberarsi dalla pressione e il Genk ora accumula calci d'angolo. Lega in aria.

insiste Jenk

È ancora una sorpresa per i tifosi dell'Anderlecht. Il Genk vede un'opportunità ed è chiaro che la tensione si sta insinuando nella squadra dell'Anderlecht. Debast lancia un colpo di testa decisivo proprio davanti al naso di Tolu.

Amuzu punta su larga scala

Finalmente l'Anderlecht può nuovamente creare pericolo. Dreyer passa la palla lontano da Amuzu. Ha spazio per calciare, ma finisce largo.

Un'altra solita sostituzione di Rimmer. Porta Vazquez tra le linee per il capocannoniere Dolberg.

Tolu non ne approfitta

Il Genk ha chiaramente guadagnato fiducia grazie al pareggio shock. Tolu improvvisamente aveva molto spazio nei sedici. Si dirige verso terra e la palla rimbalza nelle mani di Schmeichel. All'improvviso l'Anderlecht stava giocando con il fuoco.