QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’antinfiammatorio in un inalatore per l’asma può interrompere la sostanza bianca nel cervello

La scoperta è stata fatta da un ricercatore del Leiden University Medical Center. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista medica Bmj-aprire. Tra l’altro La CNN ne ha scritto.

steroidi

Si tratta di corticosteroidi, o più precisamente di un gruppo di ormoni chiamati glucocorticoidi, che sono simili al cortisolo del corpo. È prodotto nella corteccia surrenale.

Poiché questo cortisolo ha un effetto antinfiammatorio, viene utilizzato anche in forma sintetica nei medicinali. Pensa al prednisone. Ma si trova anche in molti farmaci per l’asma, come gli inalatori (comunemente noti come “nebulizzatori”).

La studentessa di dottorato Meryl van der Meulen della LUMC e colleghi hanno analizzato le scansioni cerebrali di due tipi di consumatori di glucocorticoidi: 222 persone che stavano assumendo i farmaci o venivano iniettati e 557 persone che hanno inalato la sostanza. Ha confrontato i sondaggi di questi gruppi con quelli di oltre 24.000 non utenti.

struttura diversa

Come si è scoperto, ha visto che la cosiddetta sostanza bianca nel cervello aveva una struttura diversa nei consumatori di questo farmaco, rispetto a coloro che non usavano questi farmaci.

La materia bianca collega le aree del cervello e garantisce la comunicazione tra loro. Questa scoperta può spiegare effetti collaterali come ansia e depressione, che si osservano regolarmente dopo un uso prolungato e/o dosi elevate.

piccoli cambiamenti

Si tratta di piccoli cambiamenti: in media, la riduzione della sostanza bianca è dell’1-2%. I cambiamenti sono maggiori in situazioni più gravi, come la malattia di Cushing, dove la stessa sostanza corporea aumenta bruscamente per anni.

Onno Meijer, professore di endocrinologia molecolare per corticosteroidi alla LUMC, descrive la scoperta del suo dottorando come “sorprendente”. Anche se aggiunge: Ufficialmente, non è ancora una relazione causale. “Ma negli studi sui topi, dove tutto è sotto controllo, vediamo effetti simili. Per noi è sospetto”.

READ  Anche quelli senza malattia polmonare da Covid fanno male dopo l'infezione.

Secondo Meijer, la maggior parte dei pazienti non nota un grande cambiamento nel cervello. Le persone che ricevono dosi elevate per lungo tempo, o le persone con allergie, possono notare qualcosa, come una ridotta capacità di assorbire la conoscenza. Può anche influenzare l’umore.

Gli effetti maggiori si osservano nelle persone che hanno assunto o iniettato droghe. Ci sono stati anche cambiamenti nella materia grigia, dove si trovano i neuroni. Questo, a sua volta, ha a che fare con tutti i tipi di funzioni cerebrali cognitive ed emotive. “Ma gli effetti sulla sostanza bianca erano i più evidenti”, afferma Meijer.

buono per la coscienza

Cosa significa questa notizia per le persone che abusano di queste sostanze? E per i medici che prescrivono farmaci? Secondo il professore, i risultati sono un motivo in più per stare attenti al materiale. “La maggior parte dei medici lo sa, ma non tutti i medici lo sanno. Penso che ci siano anche medici che dicono: ‘Beh, uno spray come questo non fa male.’

Dato l’uso diffuso di questi farmaci – tra il 3 e il 9 per cento della popolazione li usa – sia i medici che i pazienti dovrebbero essere consapevoli dei loro potenziali effetti sul cervello, crede. Soprattutto perché non è certo se si tratti di un effetto transitorio.

Non avere paura

Allo stesso tempo, non vuole “spaventare inutilmente le persone”. Capisce che il medico che prescrive la medicina non è sempre Tutti gli effetti collaterali può essere nominato. “Altrimenti, nessuno vorrà più medicine.” A volte il trattamento è semplicemente necessario. Se le persone smettono di prendere il nebulizzatore, “senza dubbio” porterà ad altri grossi problemi. “Ci provocherà, ad esempio, la polmonite. Questo non va certo bene. Non c’è dubbio che ci sono anche persone che possono farne a meno, o molto spesso. Ma in pratica, non è facile determinarlo per ogni utente”

READ  Fa male sedersi con le gambe incrociate?

Thomas Ritz, un professore americano che ha studiato l’effetto degli stimolanti sulle persone con asma, ha detto alla CNN che questo studio conferma “ciò che già sappiamo sul trattamento dell’asma”: prendi meno corticosteroidi possibile finché hai l’asma. . “Attieniti agli steroidi per via inalatoria e parla con il tuo medico di picchiettarli quando ti senti meglio”.

Alla ricerca di alternative

Il professor Meijer concorda: “Molti degli altri potenziali effetti collaterali di questi farmaci sono già noti, anche al di fuori del cervello. E penso che la nostra ricerca potrebbe essere un altro motivo per vedere se una persona intelligente lo è. finché non finisci. O per vedere se ci sono alternative”.

Si consiglia ai pazienti che riconoscono i reclami di cui sopra di rivolgersi al proprio medico di famiglia. “O almeno dillo al prescrittore. Poi può dire qualcosa al riguardo.”

I farmaci per l’asma non sono sempre con stimolanti

Gli inalatori di corticosteroidi non sono sempre prescritti ai pazienti con asma. Ci sono anche inalatori progettati per fornire un rapido sollievo da un attacco d’asma. Questi sono chiamati broncodilatatori. I broncodilatatori non contengono stimolanti, ma alcune sostanze che rilassano i muscoli dei polmoni.

nelle vie aereeHama Inali i corticosteroidi? Ha un effetto antinfiammatorio e protegge le vie aeree dagli stimoli che causano mancanza di respiro. Ciò migliora le condizioni dei polmoni e riduce il numero di episodi di mancanza di respiro.

Inoltre, possono essere assunti corticosteroidi. Questo viene utilizzato per alcuni giorni o due settimane di trattamento se l’asma è temporaneamente esacerbata. Il prednisone è uno di quei farmaci.

READ  Kempenhaeghe offre screening per la chirurgia dell'epilessia; Prendi una decisione più rapida se la chirurgia dell'epilessia ha buone possibilità di successo

fonte: Farmacia.nl