QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Arabia Saudita sta valutando la possibilità di tagliare la produzione di petrolio | Economia

L’Arabia Saudita sta valutando la possibilità di ridurre in qualche modo la produzione di petrolio, piuttosto che aprire ulteriormente il rubinetto del petrolio. Secondo il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, la situazione del mercato petrolifero sembra sempre più lontana dalla realtà. Di conseguenza, ha affermato il ministro, l’Arabia Saudita e l’OPEC potrebbero dover intervenire.

Bin Salman non ha annunciato alcun piano concreto, ad esempio, per tagliare la produzione. Ma ritiene che l’attuale prezzo del petrolio non rifletta più l’offerta e la domanda del mercato.
“I mercati cartacei e fisici stanno diventando sempre più separati”, ha affermato dopo le domande di Bloomberg News. “In un certo senso, il mercato è in uno stato di schizofrenia e questo crea una sorta di mercato yo-yo”.

Un barile americano di petrolio (159 litri) ora costa circa $ 90. Questo è inferiore a quello che era prima dell’invasione russa dell’Ucraina a febbraio. All’inizio di quest’anno, i prezzi del petrolio sono aumentati notevolmente a causa della guerra in Ucraina, ma negli ultimi mesi si è assistito a un calo.

Gli analisti hanno recentemente notato che il commercio di petrolio è stato più volatile negli ultimi tempi rispetto a prima. I commercianti temono che la recessione negli Stati Uniti e in Europa influenzerà la domanda di petrolio, mettendo sotto pressione i prezzi. L’Arabia Saudita e l’OPEC hanno gradualmente aumentato la produzione di petrolio quest’anno. Tuttavia, i prezzi del petrolio sono ancora molto più alti rispetto agli ultimi anni. Gli automobilisti lo notano alla pompa.

I prezzi del gas continuano a salire e il petrolio è di nuovo più conveniente

L’economia dell’Arabia Saudita cresce del 12% grazie agli alti prezzi del petrolio

READ  Queste sono le auto della famiglia VAB 2022 | Capo