QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’assenza di un accordo petrolifero OPEC: restano validi i vecchi accordi | all’estero

Gli Emirati Arabi Uniti hanno ritirato venerdì l’accordo OPEC+ per continuare a limitare la produzione oltre l’aprile 2022, data concordata all’inizio della pandemia di Corona. Solo se il paese stesso non dovesse limitare la produzione tanto quanto lo è ora, accetterebbe i piani. Gli Emirati Arabi Uniti hanno deciso di aumentare la produzione di 400.000 barili al giorno ogni mese da agosto. La proposta di estendere le restrizioni alla produzione fino a dicembre 2022 deve essere trattata separatamente, secondo gli Emirati Arabi Uniti.

Pertanto, le richieste di Abu Dhabi alla fine non portano a nessun accordo. Il prezzo del petrolio è poi salito alle stelle, con il Brent che ha superato i 77 dollari al barile per la prima volta dal 2018.
La rottura dei colloqui potrebbe anche mettere sotto pressione l’alleanza. Gli Emirati Arabi Uniti hanno già minacciato di lasciare l’OPEC alla fine dello scorso anno e stanno cercando di rafforzarsi nel blocco del Qatar, dove l’Arabia Saudita è stata finora vista come il leader dell’organizzazione.

Gli Stati Uniti hanno invitato i paesi dell’OPEC+ a cercare un compromesso, dopotutto. Un portavoce della Casa Bianca ha affermato che, sebbene gli Stati Uniti non siano parte dei colloqui, il Paese “guarda da vicino i negoziati”. Il ministro del petrolio iracheno ha anche espresso l’auspicio che venga fissata presto una nuova data per ulteriori colloqui, si spera nei prossimi 10 giorni. L’Iraq è membro dell’OPEC e sostiene l’aumento della produzione.

READ  “Tutti i paesi OPEC + concordano nuovi accordi sulla produzione di petrolio” | Economia