QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’attacco al leader bielorusso Lukashenko è stato sventato

Secondo i servizi segreti russi dell’FSB, è stato impedito un attacco al presidente Alexander Lukashenko in Bielorussia. Il servizio di sicurezza federale di Mosca ha annunciato sabato sera che due uomini sono stati arrestati presso le autorità della vicina Bielorussia, tra cui un cittadino americano.

Lo stesso Lukashenko ha dichiarato domenica che un colpo di stato e un tentato omicidio contro di lui e la sua famiglia erano stati sventati. Tutto questo, secondo Lukashenko, avrebbe potuto essere preparato dagli Stati Uniti.

Il capo del KGB, Ivan Tertil, ha detto in un video che si stava preparando una rivolta armata con l’obiettivo di rovesciare la leadership del Paese. Il presidente, la sua famiglia e gli alti funzionari avrebbero dovuto essere uccisi. Inoltre, è stato necessario occupare importanti edifici nell’ex repubblica sovietica.

Secondo Lukashenko, il Servizio di sicurezza federale (FSB) ha arrestato a Mosca due bielorussi: il politologo Alexander Veduta e l’avvocato Yuri Zinkovich, quest’ultimo anch’egli titolare della cittadinanza statunitense. “Ci hanno mostrato come pianificavano tutto, e poi hanno rivelato che era opera di agenzie di intelligence straniere, molto probabilmente CIA e FBI”, ha detto Lukashenko in una videocassetta distribuita dalla presidenza.

Né la Russia né gli Stati Uniti hanno ancora risposto alle dichiarazioni del dittatore bielorusso.

Lukashenko ha ripetutamente accusato l’opposizione di complottare un violento colpo di stato. Durante le proteste di massa contro di lui, ha detto in precedenza che una rivoluzione come quella che ha avuto luogo nella vicina Ucraina era stata impedita.

Sulla scia delle elezioni presidenziali del 9 agosto dello scorso anno, che sono ampiamente considerate truccate, centinaia di migliaia di persone hanno regolarmente chiesto le dimissioni di Lukashenko e lo svolgimento di nuove elezioni. È stato dichiarato vincitore delle elezioni con l’80,1% dei voti. L’Unione Europea non riconosce Lukashenko come presidente e ha imposto sanzioni al regime di Minsk, che può ancora contare sull’appoggio della Russia.

READ  Un ponte è crollato in Messico durante un passaggio della metropolitana: già almeno 15 g ...