QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’attacco dell’orso nero uccide una donna di 71 anni |  Notizie RTL

L’attacco dell’orso nero uccide una donna di 71 anni | Notizie RTL

Lo scorso novembre, Patrice Miller, 71 anni, californiana, è stata trovata morta nella sua casa nella Sierra Nevada. Le autorità della California hanno confermato questa settimana che si è trattato di un attacco mortale da parte di un orso nero. Si tratta del primo attacco noto di questo tipo nello stato americano.

Patrice Miller è stata trovata morta nella sua casa lo scorso novembre da uno sceriffo della Sierra Country, che è stato chiamato all’indirizzo per controllare come stesse la donna dopo che non era stata vista nella comunità per diversi giorni.

“Quando siamo arrivati, abbiamo immediatamente visto prove di orsi che entravano in casa”, ha detto lo sceriffo della contea di Sierra, Mike Fisher. “La porta era rotta e c’era cacca d’orso sul portico.”

Il Dipartimento della pesca e della fauna selvatica della California ha confermato che l’incidente è stato il primo attacco mortale di un orso nero conosciuto e documentato nella storia della California. Lo riporta il quotidiano britannico The Guardian.

Test del DNA

Negli ultimi anni si è registrato un aumento del numero di rapine di orsi nella zona.

L’orso responsabile dell’attacco è stato successivamente intrappolato e sottoposto ad eutanasia in una piccola cittadina di montagna vicino alla foresta nazionale di Tahoe. Le autorità hanno utilizzato il test del DNA per confermare che si trattava dello stesso orso.

“Dato il crescente pericolo rappresentato dal comportamento dell’orso e la minaccia imminente che rappresenta per i residenti, gli agenti non hanno avuto altra scelta se non quella di sopprimere l’orso nell’interesse della sicurezza pubblica”.

Grande bastardo

La figlia della donna uccisa ha detto che gli orsi cercano regolarmente di entrare “attraverso le finestre rotte” e che sua madre ha picchiato fisicamente uno di loro per impedirgli di entrare in casa sua. Secondo quanto riferito, ha descritto l’orso, che voleva visitarlo regolarmente, come un “grande bastardo”.

READ  Nuova ricerca: la "malattia vichinga" è un segno dei geni di Neanderthal
Notizie RTL/The Guardian