QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Laura ed Evelyn non sono sole sulla trentina, ma sono spesso sole: “Creare legami profondi con gli altri è difficile”.

Laura ed Evelyn non sono sole sulla trentina, ma sono spesso sole: “Creare legami profondi con gli altri è difficile”.

“Le persone che si sentono sole spesso non osano ammetterlo”, sottolinea Helen. “Si sentono dei falliti, hanno un’immagine negativa di sé e spesso si ritirano per paura di farsi male. Si finisce rapidamente in un circolo vizioso.”

Tuttavia, la solitudine non è socialmente accettabile in tutte le situazioni. “Possiamo provare molta simpatia per una persona anziana che è appena diventata vedova o vedova, ma per le persone che sembrano avere tutto, spesso è più difficile e la solitudine rimane sotto il radar, anche se può essere altrettanto potente sapere che non sei solo, e che potresti sentirti solo, e potresti anche sentirlo.

Ecco perché dobbiamo attribuire la responsabilità della solitudine meno al singolo individuo e più alla società nel suo insieme. Gli esempi includono povertà, malattie e quartieri non sicuri dove le persone non osano uscire. “Possiamo incoraggiare connessioni libere e spontanee con quartieri verdi, sicuri per il traffico e con molti negozi. Un luogo in cui ti senti davvero connesso al tuo quartiere.”

Infine, dobbiamo imparare ad adattare la nostra percezione di “unità”. “Sedersi da soli è ancora spesso associato alla tristezza.” Secondo Helen, possiamo affrontare questo problema in modo accessibile, ad esempio fornendo panchine o sedie per una persona. “In questo modo diamo alle persone una spinta in più per stare tra la gente”.

READ  Beyoncé ha inviato un messaggio emozionante a Meghan Markle dopo la sua intervista a Oprah Re