QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Australia fa causa alla Cina all’OMC per i dazi sulle importazioni di vino | Economia

La Cina è stata il principale partner commerciale dell’Australia, ma da quando quel paese ha deciso nel 2018 di escludere Huawei dalla costruzione della sua rete 5G, la relazione ha iniziato a deteriorarsi. Il fatto che l’Australia l’anno scorso abbia chiesto un’indagine sull’origine del coronavirus, nel segno che potrebbe essere fuggito da un laboratorio di ricerca a Wuhan, ha causato più cattivo sangue a Pechino.

Negli ultimi anni, la Cina ha imposto tariffe su una gamma di prodotti australiani come carbone di legna, manzo, aragosta e orzo. L’Australia ha già presentato una denuncia contro la Cina all’Organizzazione mondiale del commercio per le ultime accuse. La tassa di importazione sul vino è diventata ufficiale a marzo, ma era già stata introdotta mesi prima. Secondo il ministro del commercio australiano Dan Tehan, le esportazioni di vino australiano in Cina sono scese da 1,1 miliardi di dollari australiani, o poco meno di 700 milioni di euro, a soli 20 milioni di dollari australiani. Secondo Tehan, i dazi all’importazione saliranno al 218 per cento.

La Cina afferma ufficialmente che la tassa è stata imposta perché i produttori di vino australiani si stavano liberando della tassa. Si dice che il loro vino sia sovvenzionato e venduto al di sotto del prezzo di mercato.

READ  La variante delta prevale anche nel nostro Paese: "Potremmo vedere questa variante solo entro fine luglio"